Nasce Grifo Holding, hub di servizi e idee per il settore assicurativo e finanziario

In occasione di “Grifo 5.0”, la XVI° Convention aziendale di Asfalia tenutasi a Milano, il Presidente della Società Bernardo Franchi ha annunciato la nascita della Grifo Holding.

Il nuovo Gruppo si presenta al mercato come nuovo brand che raggruppa quattro Società: Grifo Holding riunirà, infatti, le partecipazioni di Asfalia, Asfalia Prime Broker, Argenta e Quadratum, con un nuovo modello organizzativo, raggruppando le proprie attività in due macroaree di business, una dedicata al canale diretto e una al canale istituzionale (banche, compagnie, intermediari). Le quattro società della Holding saranno trasversalmente al servizio e supporto delle due business Unit e saranno strutturate per servire e gestire nel migliore dei modi i servizi e le attività del Gruppo.

Dal nucleo originale di Asfalia (nata nel 2003), dedicato alla tutela e alla gestione assicurativa del patrimonio, si sono sviluppate successivamente le attività nel settore del brokeraggio assicurativo indipendente, rappresentate oggi da Asfalia Prime Broker, quelle specializzate nel ramo danni e nelle soluzioni assicurative per il ramo vita, rappresentate da Argenta, e la Società di servizi e di formazione Quadratum.

“La Grifo Holding nasce con l’ambizione di diventare il primo hub di servizi del settore assicurativo e finanziario italiano – dichiara Bernardo Franchi, che assume anche il nuovo ruolo di Amministratore Unico della holding -. Rispetto al concetto di architettura aperta rivolta solo al prodotto, abbiamo voluto fare un passo in più ed estenderla anche ai servizi e alle idee. Mi piace definire la Grifo come un ecosistema di aziende, di pensieri, soluzioni e valori condivisi, un modello innovativo multicanale, quindi con una specializzazione estrema su più offerte, ma che si presenta al mercato attraverso la omnicanalità, ovvero come un unico punto di riferimento su una pluralità di soluzioni per i clienti e partners. Abbiamo percorso una lunga strada – prosegue Franchi – ma al tempo stesso siamo consapevoli che resta ancora molto da fare. Per resistere in un mondo che cambia bisogna cambiare e noi continueremo a farlo. Per questo non ci fermiamo qui”.