Credem, più investimenti a favore dei dipendenti

di Lucia Pierangeli MF-DowJones

Credem nei primi sei mesi di quest’anno ha registrato un aumento dell’87% rispetto allo stesso periodo del 2018 delle persone che utilizzano lo smart working, che permette di lavorare per alcuni giorni alla settimana da remoto senza i vincoli spaziali e temporali dell’ufficio. Questo strumento, si legge in una nota, è stato scelto da oltre 1.640 persone, pari al 39% dell’organico potenzialmente interessato del gruppo (il 26,3% della forza lavoro complessiva). L’iniziativa rientra nel programma di welfare di cui il gruppo si è dotato per migliorare l’ambiente di lavoro e cogliere i bisogni delle persone per supportarle nel raggiungimento degli obiettivi personali. Le iniziative messe in campo riguardano salute e benessere, supporto personale, work life balance, tempo libero, potere d’acquisto, protezione e prevenzione. Riguardo quest’ultimo aspetto, per la fine di quest’anno l’obiettivo è offrire al personale del gruppo quasi 4 mila visite mediche gratuite. Sono proseguite inoltre le assunzioni, con 149 nuove persone, di cui oltre il 77% neolaureati e neodiplomati, e un particolare focus, a livello di gruppo, nell’ambito della consulenza finanziaria e del private banking. La centralità delle persone nel modello di business del gruppo ha portato, infine, a una crescita degli investimenti da destinare alla formazione di alto livello per i dipendenti, che include lo sviluppo di competenze manageriali, comportamentali, commerciali, tecniche, normative, digitali e di prodotto. Nel dettaglio, nel primo semestre sono stati erogati in media oltre cinque giorni di formazione pro capite. Credem, grazie alle favorevoli condizioni di lavoro, ha ottenuto per il quarto anno consecutivo la certificazione di Top Employers e per la prima volta nel 2018 la certificazione di Great Place To Work, che viene assegnata alle aziende a livello mondiale che raggiungono i più elevati standard nelle condizioni di lavoro dei dipendenti. Il gruppo è presente in 19 regioni italiane con 638 tra filiali, centri imprese, e negozi finanziari e oltre 6.200 dipendenti. (riproduzione riservata)

Fonte: logo_mf