Allianz: le tendenze nel ramo Engineering

Ramo Engineering: negli ultimi decenni i grandi progetti di ingegneria e di costruzione sono cambiati in modo imprevedibile. I siti sono ora molto più grandi, complessi e costosi, il che comporta anche che la posta in gioco sia maggiore se qualcosa va storto.

Allianz Global Corporate & Specialty (AGCS) ha analizzato oltre 13.000 sinistri nel ramo Engineering negli ultimi cinque anni, identificando sette grandi tendenze nei progetti di ingegneria e costruzione che hanno causato alcune delle maggiori perdite di sempre, secondo un nuovo rapporto dell’assicuratore. Il rapporto esamina anche il modo in cui le nuove tecnologie come droni, satelliti, laser e modellazione informatica, sono sempre più utilizzate per accelerare i sinistri e ridurre i rischi.

  1. Valori più alti hanno un maggiore impatto sulle perdite

I cantieri oggi sono molto più grandi che in passato e i progetti possono durare molti anni.  L’espansione dell’aeroporto internazionale Al Maktoum di Dubai, ad esempio, non sarà completata prima del 2030 e dovrebbe costare circa 36 miliardi di dollari. “Di conseguenza, le somme assicurate sono ora molto più elevate – i progetti con un valore da 5 a 10 miliardi di dollari non sono inusuali, il che significa che i sinistri possono essere in decine di milioni di dollari”, afferma Raymond Hogendoorn, Global Head of Property and Engineering Claims di AGCS. Si stima che l’inondazione, avvenuta durante la costruzione della diga idroelettrica di Hidroituango in Colombia nel 2018, costerà agli assicuratori circa 1,4 miliardi di dollari, uno dei più grandi sinistri Engineering della storia.

2. Incendio/esplosione causa di perdite.  Nat Cats: rischio più grave

L’incendio è la principale causa di perdita per i sinistri di ingegneria, e rappresenta oltre un quarto (27%) delle perdite in valore, sulla base di un’analisi di oltre 13.000 sinistri in tutto il mondo per un valore di quasi 8 miliardi di € (8,8 miliardi di $). Gli incendi hanno causato oltre 2,1 miliardi di € (2,35 miliardi di $) di perdite assicurative in cinque anni. Le catastrofi naturali sono un’altra fonte di grandi sinistri. Ad esempio, i danni causati dalle tempeste sono la seconda causa principale di perdita per numero di eventi, con un sinistro su 10. Anche le catastrofi naturali sono al primo posto tra le preoccupazioni delle imprese di costruzione secondo l’Allianz Risk Barometer 2019.

3. Aumentano le perdite per prodotti difettosi e di controllo qualità

Secondo l’analisi dei sinistri condotta da AGCS, i prodotti difettosi sono la principale fonte di reclami ingegneristici per frequenza e la seconda per gravità. Il numero di reclami per prodotti difettosi è quasi tre volte superiore a quello delle richieste di risarcimento per tempesta, la causa di reclamo più importante per frequenza. “Stiamo assistendo a un aumento dei reclami relativi ai difetti e al controllo qualità in generale”, afferma Martin Eckel, Senior General Adjuster di AGCS. Ad esempio, due grandi reclami per la produzione di energia elettrica – 200 milioni di $ – sono stati causati da saldature difettose.

4. Maggiore complessità della supply chain, aumento delle dimensioni e del costo dei sinistri

In passato, un aeroporto o una centrale elettrica sarebbero stati molto probabilmente costruiti da un appaltatore nazionale utilizzando fornitori locali. Oggi, è più probabile che coinvolga più parti e che macchinari, attrezzature e altri componenti siano acquistati e trasportati da tutto il mondo. “La tecnologia sta diventando sempre più sofisticata e specializzata, il che può aumentare i costi di riparazione o sostituzione di macchinari e attrezzature. Se una turbina proveniente dalla Cina viene danneggiata durante il trasporto, potrebbo essere necessari fino a 18 mesi per la riparazione”, spiega Eckel.

5. Maggiori richieste di indennizzo per interruzioni/ritardi nella fase di avviamento

Le imprese di costruzione e di ingegneria hanno classificato l’interruzione dell’attività (BI) come il secondo rischio più rilevante nell’Allianz Risk Barometer 2019. La crescente consapevolezza delle esposizioni alla BI ha visto aumentare il numero di aziende che acquistano coperture BI, in particolare l’assicurazione DSU (delay in startup), che copre i ritardi nei progetti di costruzione o di ingegneria a seguito di danni fisici. I sinistri DSU sono generalmente costosi – l’indennizzo per il ritardo nella fase di avviamento è aumentato nel tempo, passando da circa 200.000 a 500.000 $ al giorno.

6. Rischio politico e sanzioni: una preoccupazione crescente per i progetti a lungo termine

Il completamento di grandi progetti di costruzione può richiedere da cinque a dieci anni e coinvolgere appaltatori e fornitori di tutto il mondo, rendendoli vulnerabili a sanzioni e controversie commerciali. Ad esempio, aumenti improvvisi e consistenti dei dazi all’importazione negli Stati Uniti possono aggiungere milioni di dollari alle richieste di risarcimento per impianti e macchinari importati da paesi come la Cina.

7. La crescita dei progetti sulle energie rinnovabili comporta sfide e benefici

Con l’aumento della domanda di energia verde, i progetti solari ed eolici sono diventati più grandi, le località più remote e le turbine eoliche molto più grandi – con pale grandi come un campo da calcio. Nel solo 2018 vi erano 409 nuove turbine eoliche offshore in 18 progetti nell’UE. L’eolico offshore può rappresentare un’area particolarmente impegnativa per i reclami, in quanto le turbine possono essere di difficile accesso.

Ruoli crescente dei droni e delle nuove tecnologie nella valutazione dei rischi e dei sinistri

Poiché i grandi progetti di ingegneria e di costruzione sono diventati più complessi, è diventato molto più difficile valutare i rischi e le richieste di risarcimento e stabilire la causa ultima delle perdite. Tuttavia, gli assicuratori hanno a disposizione una gamma crescente di nuove tecnologie per offrire assistenza:

  • AGCS ha recentemente utilizzato droni, scansioni laser e modellazione al computer per determinare la causa principale di un’esplosione di macchinari in un sito inaccessibile. I droni e le immagini satellitari sono stati utilizzati anche per valutare i sinistri ingegneristici dopo gli incendi record in California e l’uragano Florence nel 2018.
  • AGCS sta abbinando i dati topografici 3D dei droni con il software di modellazione idrogeologica e i dati di simulazione delle precipitazioni per prevedere il rischio di inondazioni improvvise nei cantieri edili.
  • La tecnologia satellitare offre immagini ad alta risoluzione di un sito entro 24 ore dalla perdita, anche in luoghi remoti o pericolosi, e può anche essere utilizzata per combattere reclami esagerati o fraudolenti.

“La tecnologia creerà più certezza nelle richieste di indennizzo nel ramo Engineering”, diceHogendoorn. “Ci sono così tante parti in un sito alla volta, e così tante attività che si svolgono contemporaneamente, che può essere estremamente difficile capire la sequenza di un evento dannoso. Tuttavia, possiamo sempre più spesso utilizzare la tecnologia per accedere ai dati e alle informazioni per comprendere meglio la causa principale del sinistro e accelerare il processo di liquidazione”.

Qui il rapporto Engineering And Construction Claims And Insurance Trends (rapporto sui sinistri di ingegneria e costruzione e sulle tendenze assicurative).

Engineering