Munich Re in 1° posizione nel ranking 2018 di A.M. Best

Munich Re è tornata in prima posizione nella classifica dei Top 50 Global Reinsurance Groups di A.M. Best, superando Swiss Re. La Berkshire Hathaway di Warren Buffett sale di due posizioni al terzo posto, spingendo Hannover Rück SE e SCOR SE in quarta e quinta posizione rispettivamente.

La classifica, basata sui premi lordi di riassicurazione sottoscritti (GPW), ha visto Munich Re occupare il primo posto ogni anno dal 2010, ad eccezione del 2017, quando è stata sorpassata da Swiss Re.
Il ritorno di Munich Re al primo posto è dovuto in parte alla crescita dei premi, ma A.M. Best ha aggiunto che la compagnia ha beneficiato anche di alcune circostanze uniche nel 2017, come una crescita economica più forte del previsto in Europa e un indebolimento della sterlina, che ha contribuito a un apprezzamento dell’euro nei confronti del dollaro USA.
Insieme, Munich Re e Swiss Re rappresentano quasi il 30% di tutti i premi nella classifica di quest’anno, e rimangono gli “incontrastati concorrenti” del mercato della riassicurazione.

L’agenzia di rating ha anche osservato che il balzo in classifica di Berkshire Hathaway è stato determinato principalmente dall’accordo di riassicurazione da $ 10 miliardi tra la National Indemnity Co. e American International Group Inc., che non è stato contabilizzato fino al primo trimestre del 2017, nonostante sia stato finalizzato a gennaio 2016.

Inoltre, nonostante il calo del ranking, sia Hannover Re SE che SCOR hanno sperimentato una crescita dei premi a due cifre.
La seconda metà delle prime 10 posizioni è rimasta invariata rispetto all’anno precedente e A.M. Best ha osservato che i primi 10 gruppi di riassicurazione continuano a costituire circa il 70% del totale dei premi nella classifica Top 50.
“L’ammontare dei premi lordi scritti dalla Top 10 in classifica rafforza la convinzione che i maggiori riassicuratori del settore continuino a detenere quote di rischio sproporzionatamente consistenti, nonostante gli sforzi dei cedenti per diversificare i loro pannelli di riassicurazione e diffondere il rischio di controparte”, ha affermato Robert DeRose, Senior Director di A.M. Best.

La maggior parte dei riassicuratori nelle classifiche ha anche aumentato il loro business sia nel vita che nel non vita tra il 2016 e il 2017, nonostante le continue condizioni di mercato soft nei rami danni, con una crescita complessiva dei premi di $ 36,1 miliardi, rispetto ai $ 7,4 miliardi registrati nel 2016.
Inoltre, molti riassicuratori hanno continuato ad aumentare le loro spese con nuovi investimenti in tecnologia e spostando la propria attività in nuove linee.

Anche l’attività di fusione e acquisizione (M&A) ha continuato a influenzare la classifica e ha contato per il cambio di posizione più drammatico, con Sompo Holdings che salta dal n. 46 al n. 22 dal momento che il consolidamento di Endurance Specialty Holdings (ora Sompo International Holdings) ha incrementato del 265% il ramo vita e il ramo danni della società.
Al contrario, QBE Insurance Group e W.R. Berkley Corporation hanno registrato i movimenti discendenti più importanti, rispettivamente di 14 e 7 posizioni.
Inoltre, è emerso che il combined ratio medio dei primi 5 riassicuratori (109,7%) è leggermente superiore al combined ratio medio dei primi 50 (109,1%), cosa che riflette i risultati del segmento dopo le pesanti perdite catastrofi del 2017.

La classifica si può leggere qui.