A.M.: assicuratori divisi sulla scelta delle sedi UE post Brexit

Sono diversi gli assicuratori e i riassicuratori del Regno Unito che hanno istituito nuovi hub in Europa per assicurare la continuità di servizi post-Brexit in una situazione attuale che mancanza di chiarezza. Tuttavia la scelta del nuovo domicilio è guidata da considerazioni specifiche, secondo A.M. Best.

Mentre Lussemburgo e Irlanda sono emerse come le sedi più popolari per le nuove controllate europee, nessuna singola città sembra destinata a sfidare Londra come principale polo assicurativo europeo.

“La scelta del domicilio è stata guidata dalle considerazioni specifiche dei singoli assicuratori, tra cui la vicinanza ai clienti, la capacità di attrarre talenti, una presenza esistente in un luogo, nonché il regime fiscale locale. Anche il regolatore nazionale è stato importante, in particolare il suo approccio, la sua competenza e accessibilità”, spiega A.M. Best in una recente nota sui piani Brexit delle compagnie assicurative e riassicurative.

L’agenzia di rating afferma che uno dei principali driver della scelta del domicilio è stata la presenza di operazioni già esistenti in una regione, come nel caso di Amlin e QBE, che hanno scelto Bruxelles, dove sono già presenti.

Lo stesso vale per Aspen, Beazley e XL, che hanno scelto Dublino, per il fatto di essere già presenti lì. Mentre Chubb ha scelto Parigi per lo stesso motivo, Markel ha scelto Monaco.

A.M. Best evidenzia il fondamento logico di un simile approccio: “Laddove le compagnie hanno stabilito filiali o una presenza materiale in un particolare mercato, di solito è perché ritengono che possa aiutarle ad accedere a business interessanti. Inoltre, avranno già assunto talenti e saranno in possesso di infrastrutture sul posto e avranno già una relazione con il regolatore locale.
“Queste sono considerazioni importanti in considerazione dei costi operativi e di capitale che sosteranno nello stabilire una controllata aggiuntiva”.

Tuttavia, nel caso in cui una compagnia non abbia un’operazione UE esistente, il Lussemburgo si sta dimostrando di essere un domicilio attraente, secondo A.M. Best anche grazie al regolatore del paese, il Commissariat aux Assurances, visto come business friendly ed efficiente.
Ma indipendentemente dalla posizione della nuova filiale, A.M. Best afferma che si aspetta che queste operazioni siano relativamente piccole rispetto a quelle del Regno Unito.