2016: un anno di consolidamento e di riflessione

1950

BILANCI 2016

Restano i cicli economici, ma tendono a scomparire quelli assicurativi. I conti economici restano positivi perché a fronte di premi in calo diminuiscono i costi dei sinistri.
Aumento dei costi gestionali nei Danni non auto.

Autore: Fausto Panzeri
ASSINEWS 289 – settembre 2017

Una delle caratteristiche del mercato assicurativo risiedeva nella ciclicità del suo andamento. Dopo 3/4 anni di buoni risultati seguivano esercizi con andamenti meno positivi e talora negativi che ritrovavano il proprio equilibrio in virtù di aumento dei prezzi o di selezione-pulizia dei portafogli clienti effettuata dalle imprese.
Questa caratteristica, tipica dei rami danni, sembrerebbe quasi svanita esaminando i risultati degli ultimi 5 anni. In questo periodo, infatti, i risultati sono apparsi positivi e costanti caratterizzati da una raccolta premi in diminuzione nel ramo auto e sostanzialmente ferma negli altri rami danni. Ben diverso l’andamento del Vita, che appare indubbiamente legato alle scelte dei clienti per la tutela dei propri risparmi.
Nel 2016 queste tendenze hanno trovato una puntuale conferma.

CONTENUTO A PAGAMENTO Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati a MENSILENon sei abbonato?

Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati