2010, poche sorprese nella distribuzione

Distribuzione

Il 2010 non ha segnato novità di rilievo nelle dinamiche distributive: gli sportelli bancari e postali rafforzano la loro leadership nei rami vita, mentre gli agenti restano il primo canale distributivo nei rami danni e, dopo due anni di contrazione, incrementano lievemente la propria quota di mercato. I broker mantengono le proprie posizioni e la vendita diretta registra una netta crescita di quota di mercato solo nei canali internet e telefonico nei rami danni

Autori: Roberto Guccione
Assinews 223 – Settembre 2011

La distribuzione dei rami vita
Gli sportelli bancari e postali, anche nel 2010, sono il canale che ha contribuito maggiormente alla crescita della raccolta vita, con una performance del 15% che porta la loro quota di mercato al 60,3% (nel 2009 era pari al 58,1%). I promotori finanziari rimangono il secondo canale d’intermediazione per volumi raccolti, cresciuti del 9,3% rispetto al 2009, un valore di crescita sostenibile dopo la forte espansione (+143,3%) registrata nel 2009. Appare invece in lenta erosione la quota di mercato delle reti agenziali. Nonostante un aumento del 7,1% della raccolta, che ha superato i 13 miliardi di euro, la quota di mercato si contrae al 15,3%, con una crescita annua media dello 0,6% negli ultimi cinque anni. CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati