Swiss Re torna in utile al I semestre

Swiss Re ha registrato un calo dell’utile netto su base annua a 157 milioni di dollari per la prima metà del 2022, a causa soprattutto di un minore risultato degli investimenti e delle riserve iscritte per la guerra in Ucraina nel primo trimestre.

Per il 1° semestre 2022, Swiss Re ha annunciato che le riserve di 283 milioni di dollari iscritte nel 1° trimestre per i potenziali impatti dell’Ucraina sono rimaste invariate.

Tuttavia, nei primi sei mesi di quest’anno il riassicuratore ha assorbito ingenti sinistri da catastrofi naturali per 938 milioni di dollari, per lo più legati a inondazioni in Australia e Sudafrica, tempeste in Europa e una serie di grandinate in Francia.

Complessivamente, Swiss Re afferma che i sinistri totali sono stati di circa 270 milioni di dollari superiori alle aspettative di grandi perdite nat cat nel 1° semestre 2022, anche se il segmento della riassicurazione property and casualty (P&C) ha ancora 1,2 miliardi di dollari del budget nat cat per l’intero anno, pari a 1,9 miliardi di dollari, stanziati per il resto dell’anno.

I premi netti incassati e i ricavi da commissioni sono aumentati dell’1,9% a 21,2 miliardi di dollari, con una crescita influenzata negativamente dall’andamento sfavorevole dei cambi.

Nell’ambito di P&C Re, Swiss Re ha registrato nel 1° semestre 2022 un utile netto di 316 milioni di dollari, rispetto agli 1,3 miliardi di dollari dell’anno precedente. Questo risultato riflette la solida performance tecnica di sottoscrizione, compensata da risultati di investimento significativamente inferiori e dalle riserve di guerra del 1° trimestre dell’Ucraina.

I premi netti di competenza sono aumentati a 10,6 miliardi di dollari nell’ambito di P&C Re, che Swiss Re attribuisce a maggiori volumi e aumenti dei prezzi, compensati da un andamento sfavorevole dei cambi.

Complessivamente, il ramo P&C Re ha prodotto un combined ratio del 98,5% per il primo semestre del 2022, o del 95,8% su base normalizzata. Swiss Re prevede che il combined ratio normalizzato scenderà nella seconda metà del 2022, poiché la maggior parte dei premi catastrofali viene incassata nel terzo e quarto trimestre, mentre il segmento punta ancora a raggiungere un combined ratio normalizzato inferiore al 94% per l’intero anno.

In occasione dei rinnovi riassicurativi di luglio, Swiss Re ha rinnovato contratti per un volume di premi trattati pari a 4,8 miliardi di dollari, con un aumento dei prezzi del 12%. Il riassicuratore afferma che ciò ha compensato completamente le ipotesi di perdita più elevate. Quest’anno P&C Re ha registrato una crescita del volume dei premi di trattato del 3% e un aumento dei prezzi del 6%, concentrandosi su una crescita redditizia sia nei rami nat cat che in quelli specialistici.

Per quanto riguarda la riassicurazione vita e salute (L&H Re), l’utile netto è passato da una perdita di 129 milioni di dollari nel 1° semestre 2021 a un guadagno di 2 milioni di dollari nel 1° semestre 2022, grazie alla forte diminuzione dei decessi legati alla pandemia COVID-19. In totale, i sinistri legati alla pandemia hanno raggiunto i 540 milioni di dollari nel 1° semestre 2022, di cui la maggior parte è stata contabilizzata nel primo trimestre.

Per quanto riguarda L&H Re, i premi netti di competenza e le commissioni sono scesi dai 7,6 miliardi di dollari dell’anno scorso ai 7,5 miliardi di dollari di quest’anno, principalmente a causa dell’andamento sfavorevole dei cambi. Per il 2022, Swiss Re afferma che L&H Re punta ancora a un utile netto di circa 300 milioni di dollari.

Per quanto riguarda Swiss Re Corporate Solutions, l’utile netto è stato di 220 milioni di dollari nel 1° semestre 2022, in calo rispetto ai 262 milioni di dollari dell’anno precedente, nonostante le riserve legate alla guerra in corso in Ucraina nel 1° trimestre, l’andamento meno favorevole dell’anno precedente e i minori proventi da investimenti.

All’interno di questo settore, la compagnia ha registrato ingenti perdite causate dall’uomo per 165 milioni di dollari, che riflettono le riserve del 1° trimestre per l’Ucraina di 129 milioni di dollari, e perdite dovute a catastrofi naturali per 102 milioni di dollari. I premi netti di Swiss Re Corporate Solutions sono aumentati di quasi il 13%, raggiungendo i 2,9 miliardi di dollari, grazie al recupero degli aumenti tariffari precedentemente realizzati e alla crescita delle nuove attività.

Il segmento ha prodotto un combined ratio del 93,2% per la prima metà del 2022 ed è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di meno del 95% per l’intero anno.

Sul lato attivo del bilancio, Swiss Re ha riferito che il rendimento del reddito ricorrente è salito al 2,3% nel 1° semestre 2022, beneficiando dei reinvestimenti in un contesto di tassi d’interesse in crescita. Allo stesso tempo, il rendimento dei reinvestimenti a reddito fisso è salito al 3,1% nel secondo trimestre del 2022 dallo 0,9% dell’intero anno 2021.

Tuttavia, il rendimento degli investimenti, pari all’1,2% nella prima metà del 2022, è stato influenzato da perdite mark-to-market su azioni quotate (al netto delle coperture) per circa 400 milioni di dollari, nonché da modeste svalutazioni per 50 milioni di dollari, comprese le esposizioni legate alla Russia.