S&P: Le insurtech si concentrano sulla redditività

Secondo un recente rapporto di S&P Global Market Technology, le startup insurtech del settore assicurativo sono passate da una mentalità di “crescita a tutti i costi” a una più incentrata sulla redditività.

Le compagnie full-stack, o quelle che hanno filiali di vettori autorizzati, avranno bisogno di sottoscrivere e investire in modo redditizio per raggiungere questo obiettivo, anche se secondo il rapporto questo potrebbe rivelarsi difficile per alcuni.

Negli ultimi anni le startup full-stack insurtech quotate in borsa hanno registrato pesanti perdite GAAP e la pandemia COVID-19 ha avuto un impatto significativo sugli investimenti in fase avanzata.

La controllata del vettore di Doma Holdings Inc. ha prodotto utili negli ultimi tre anni e il vettore di Lemonade Inc. ha registrato un utile nel 2020. S&P afferma che dal punto di vista della solvibilità, le operazioni dei vettori Lemonade, Metromile e Root non sembrano eccessivamente preoccupanti.

L’assicuratore auto Root Inc. e un trio di assicuratori sanitari, Oscar Health Inc., Bright Health Group Inc. e Clover Health Investments Corp. devono affrontare strade relativamente più difficili per raggiungere la redditività delle loro attività di vettore, in base ai risultati annuali del 2019, 2020 e 2021. Ognuno di loro ha accumulato più di 350 milioni di dollari di perdite nette statutarie cumulative in questo periodo di tempo.

Al contrario, le controllate dei vettori Lemonade, Doma e Hippo Holdings Inc. stanno andando molto meglio. Ognuna di esse è riuscita a registrare un utile in almeno uno di questi anni; nel caso di Doma Title Insurance Inc. in tutti e tre gli anni.

Lemonade e Hippo sono entrambe specializzate nell’assicurazione dei proprietari di case, una categoria che comprende anche l’assicurazione dei condomini e degli affittuari, secondo la definizione della National Association of Insurance Commissioner, mentre Doma si concentra maggiormente sull’assicurazione dei titoli di proprietà.

La filiale di Hippo, Spinnaker Insurance Co. è un’entità unica nel suo genere, nota come fronting carrier, ossia un assicuratore che collabora con agenti generali gestori e che, pur scrivendo tecnicamente le polizze, trasferisce i premi sottoscritti a un riassicuratore.

Spinnaker ha ceduto circa il 96% dei suoi premi ai riassicuratori nel 2021. Pertanto, gli utili GAAP di Hippo sono probabilmente un indicatore migliore della sua sottoscrizione e non dipingono un quadro così roseo. Il rapporto perdite lorde di Hippo è stato del 138% nel 2021, rispetto al 109% del 2020.

Fonte: Reinsurance News