Moody’s: le condizioni di prezzo rimarranno favorevoli per i riassicuratori nel 2023

Gli analisti di Moody’s ritengono che le condizioni di prezzo rimarranno favorevoli per i riassicuratori anche l’anno prossimo, con uno slancio che dovrebbe continuare fino alla stagione dei rinnovi di gennaio 2023.

Con l’uragano Atlantico che deve ancora fare il suo corso quest’anno, l’agenzia di rating ritiene che sia ancora troppo presto per stabilire se i riassicuratori registreranno forti profitti per l’intero anno 2022.

Tuttavia, date le pressioni inflazionistiche, in particolare sui costi di ricostruzione, e la maggiore frequenza e gravità delle catastrofi, l’agenzia prevede che i tassi di riassicurazione risponderanno a queste sfide con una crescita continua.

A fronte dei venti contrari derivanti dall’aumento dell’inflazione e dalle sfide economiche più ampie, nonché dalla prospettiva di un aumento dei sinistri catastrofali, Moody’s osserva che i team di gestione della riassicurazione hanno generalmente deciso di concentrarsi sul miglioramento dei margini sottostanti per le coperture catastrofali dei beni.

“Nonostante le condizioni di prezzo favorevoli, il settore rimane esposto a eventi catastrofali potenzialmente di grandi dimensioni, all’aumento dei costi delle perdite a causa delle tendenze inflazionistiche economiche e sociali e all’incertezza sulle esposizioni legate al conflitto militare in corso in Ucraina”, concludono gli analisti.

Riflettendo sui rinnovi di metà anno del 2021, Gallagher Re ha ipotizzato il persistere di un mercato di venditori, con fattori economici che hanno contribuito a sostenere l’indurimento dei prezzi, nonostante non vi sia un’evidente mancanza di capacità disponibile per gli acquirenti di riassicurazione.

Anche Aon ha descritto una “tempesta quasi perfetta” di capacità limitata e domanda crescente di copertura riassicurativa in occasione degli importanti rinnovi di giugno e luglio, con un mercato property “veramente duro” ancora da venire.

Secondo Guy Carpenter, i tassi di riassicurazione catastrofale negli Stati Uniti sono aumentati di quasi il 15% quest’anno, rappresentando il più grande incremento del Guy Carpenter U.S. Property Catastrophe Rate on Line Index dal 2006.