Le tempeste atmosferiche potrebbero causare 3,2 mld $ di danni da inondazione entro la fine del secolo

I fiumi atmosferici che di tanto in tanto bombardano gli Stati Uniti occidentali potrebbero causare fino a 3,2 miliardi di dollari di danni da inondazione entro la fine del secolo, secondo i ricercatori che hanno pubblicato un nuovo studio sulla rivista Scientific Reports.

I fiumi atmosferici si sviluppano nella bassa troposfera e possono essere lunghi quasi migliaia di chilometri e larghi centinaia di chilometri. Trasportano grandi quantità di vapore acqueo dai tropici verso il polo: in media, secondo i ricercatori, forniscono più del doppio del flusso medio alla foce del Rio delle Amazzoni.

Tra i grandi eventi alluvionali che sono stati attribuiti a questi fiumi atmosferici c’è la tempesta del 2017 che ha danneggiato la diga di Oroville nella California settentrionale e ha provocato l’evacuazione di oltre 180.000 persone.

I ricercatori hanno costruito modelli di danni a livello di contea per 11 Stati occidentali, utilizzando 40 anni di dati assicurativi sulle inondazioni collegati alle caratteristiche dei fiumi atmosferici al momento dell’atterraggio, per valutare come i danni da alluvione legati ai fiumi atmosferici possano rispondere ai cambiamenti climatici.

I ricercatori hanno applicato le “funzioni di danno” ai modelli climatici globali in base agli scenari di “emissioni intermedie” e “emissioni elevate” e hanno basato i loro risultati sull’ipotesi che variabili come la vulnerabilità e la protezione dalle inondazioni rimangano ai livelli attuali.

Sei rari eventi di pioggia millenaria nell’arco di un mese potrebbero significare che il cambiamento climatico costringerà la NOAA ad aggiornare i suoi criteri su tali eventi, come afferma un articolo di Fox Weather.

Tra gli eventi citati ci sono i 9 cm di pioggia record caduti a St. Louis, nel Missouri, il 26 luglio, l’ondata di pioggia di 10 cm nel Kentucky qualche giorno dopo, il piede di pioggia dell’Illinois ad agosto e le piogge che hanno portato a diffuse inondazioni nell’area di Dallas-Fort Worth questa settimana.

“Tutti e sei gli eventi estremi hanno raggiunto la soglia locale per essere classificati dal Servizio meteorologico nazionale come un evento di pioggia ‘1 su 1.000 anni’, eppure tutti si sono verificati nello stesso mese, per non dire in un millennio”, si legge nell’articolo.

L’articolo fa riferimento a una ricerca del Programma di Ricerca sul Cambiamento Globale degli Stati Uniti che mostra come il cambiamento climatico stia aumentando la probabilità di questi eventi di pioggia intensa e la loro intensità.

L’articolo spiega che l’evaporazione dovuta alle temperature più calde degli oceani porta a un aumento del vapore acqueo disponibile, mentre l’aria più calda può contenere più vapore acqueo. Quindi, con l’aumento delle temperature del pianeta dovuto ai cambiamenti climatici, le tempeste hanno accesso a una quantità ancora maggiore di umidità quando si verificano forti precipitazioni.

Siccità in Cina

La peggiore siccità degli ultimi decenni sta minacciando la ripresa economica della Cina, e un’estate di grande siccità ha avuto ripercussioni sul fiume più lungo dell’Asia, che scorre per circa 3.900 miglia attraverso il Paese e alimenta le fattorie che forniscono gran parte del cibo del Paese e alimentano molte delle sue centrali idroelettriche.

Secondo quanto riportato da Bloomberg in un articolo pubblicato questa settimana su Insurance Journal, il livello dell’acqua del fiume è il più basso per questo periodo dell’anno da quando sono iniziate le registrazioni nel 1865.

I bassi livelli d’acqua dello Yangtze hanno interrotto la produzione di elettricità in numerose centrali idroelettriche, inducendo grandi città come Shanghai a spegnere luci e scale mobili e a ridurre l’uso dell’aria condizionata. Tesla Inc. ha avvertito di interruzioni nella catena di approvvigionamento per il suo impianto di Shanghai, mentre aziende come Toyota Motor Corp. hanno chiuso le fabbriche, ha riferito Bloomberg.

Secondo BloombergNEF, un provider di ricerca che si occupa dei mercati globali delle materie prime e delle tecnologie dirompenti, con il cambiamento climatico destinato a produrre ondate di calore e siccità più frequenti e persistenti, le interruzioni sollevano interrogativi a lungo termine sulla dipendenza della Cina dall’energia idroelettrica.

Ondate di calore

Anche la California deve affrontare le ondate di calore. Il rischio di interruzioni di corrente dovute alle ondate di calore è un pericolo per le aziende e per le vite umane.

Questo è quanto emerge da un rapporto della Rand Corp.

“Ondate di calore e incendi sempre più frequenti e intensi rimangono alcune delle maggiori minacce climatiche che la California deve affrontare”, scrive l’autrice, Kathleen Loa. “I rischi indotti dal clima minacciano in modo sproporzionato la salute e il benessere delle popolazioni vulnerabili. Inoltre, sottolineano la vulnerabilità del sistema elettrico, proprio quando le persone hanno più bisogno di refrigerio”.

Questo documento utilizza diverse fonti di dati sui rischi, sulle interruzioni e sui pazienti, per esaminare le associazioni tra i rischi, le interruzioni e i risultati sulla salute nelle città della California tra il 2008 e il 2020.

Non a caso, il rapporto ha rilevato che le interruzioni estive hanno una probabilità più che doppia di verificarsi nei giorni di ondate di calore rispetto a quelli in cui non si verificano. Le ondate di calore sono state associate a un 18% in più di ore di interruzione per i clienti rispetto agli eventi non legati alle ondate di calore.

Il rapporto ha rilevato che le ondate di calore sono dannose per le persone e che le interruzioni congiunte delle ondate di calore sono ancora peggiori.

I tassi di malattia da calore sono aumentati di oltre il 1.000% durante gli eventi di interruzione congiunta delle ondate di calore, rispetto all’800% durante gli eventi di ondata di calore.

Fonte: Insurance Journal