Indexia (ex-Sfam) sarà processata per “pratiche commerciali ingannevoli”

Sette persone giuridiche e il fondatore del broker di affinità Indexia (ex Sfam) saranno processati dalle autorità di controllo delle frodi davanti al tribunale penale di Parigi per “pratiche commerciali ingannevoli e ostacolo a un’ispezione”. 

Dopo diversi mesi di indagini, in Francia la Direzione Generale per la Concorrenza, il Consumo e il Controllo delle Frodi (DGCCRF) ha trasmesso il caso del gruppo Indexia alla procura di Parigi, ha rivelato giovedì scorso RMC. Sarà quindi il sistema giudiziario penale a decidere. Sette persone giuridiche e il fondatore dell’ex gruppo Sfam, Sadri Fegaier, sono stati deferiti al tribunale penale di Parigi per “pratiche commerciali ingannevoli e ostacolo a un’ispezione”. La procura di Parigi non ha ancora fissato la data del processo.

L’affinity broker Indexia commercializza servizi assicurativi per telefoni e computer, nonché carte “privilegio” e servizi di cashback. La DGCCRF aveva avviato un’indagine a seguito di numerose denunce sulle pratiche commerciali del gruppo, “consistenti nel far credere falsamente ai consumatori di voler interrompere gli addebiti diretti, annullare gli abbonamenti ed essere rimborsati delle somme addebitate”. Quasi 700 consumatori hanno riferito alla DGCCRF tra settembre 2019 e maggio 2020.

Il 4 aprile scorso, le autorità di controllo delle frodi hanno comunicato di aver inviato le conclusioni delle loro indagini sulle pratiche commerciali di Indexia al pubblico ministero del tribunale di Parigi. “Le società in questione sono sospettate di aver attuato queste pratiche al fine di mantenere attivo un gran numero di contratti per un periodo artificialmente prolungato rispetto ai desideri dei consumatori”, ha dichiarato all’epoca la DGCCRF.

La DGCCRF ha sottolineato che queste pratiche, se provate, sarebbero considerate “particolarmente gravi”, in quanto costituirebbero un reato punibile con due anni di reclusione e una multa massima di 300.000 euro per le persone fisiche e 1.500.000 euro per le persone giuridiche. Inoltre, l’importo dell’ammenda può essere aumentato, in proporzione ai benefici derivanti dall’infrazione, fino al 10% del fatturato medio annuo calcolato sulla base degli ultimi tre dati di vendita (articolo L.121-2 del Codice del consumo).

Nel 2019, il gruppo era già stato condannato dalla DGCCRF per “pratiche commerciali ingannevoli” nell’ambito di contratti di assicurazione di telefonia mobile stipulati presso la FNAC. Il broker ha dovuto pagare una transazione penale di 10 milioni di euro. Una sanzione che non sembra aver portato ad alcun cambiamento nei suoi metodi commerciali, in particolare nella sua politica di non annullare i contratti, nonostante le richieste dei consumatori, come menzionato in un’ordinanza della Corte d’Appello di Parigi del 21 settembre 2021. La DGCCRF ha quindi presentato questa nuova denuncia al giudice istruttore. Lo SFAM avrebbe anche cercato di contestare i sigilli ottenuti durante le nuove perquisizioni nel 2020.

Indexia è anche oggetto di un’altra azione legale, rivelata dall’Argus de l’assurance. Il caso è stato sottoposto al tribunale a marzo e a giugno l’avvocato Emma Leoty ha portato il broker davanti al tribunale giudiziario di Parigi. I suoi clienti hanno accusato il broker di numerosi prelievi non motivati. Il 27 luglio, Emma Leoty ha ottenuto una provvisionale di 6.400 euro corrispondente a tutte le trattenute effettuate in cinque anni da un cliente che aveva firmato un contratto nel 2011, oltre a 1.000 euro per le spese legali, il rimborso delle spese e la comunicazione delle copie dei contratti con una multa di 100 euro al giorno.
Si tratta quindi di due azioni legali distinte ma complementari, una volta a risarcire chi si ritiene danneggiato e l’altra a porre fine a pratiche commerciali considerate abusive.

Infine, il 15 aprile, l’associazione dei consumatori UFC-Que Choisir ha annunciato la sua adesione all’azione civile promossa dalla DGCCRF, che riguarda le società del gruppo Indexia: SFAM, Foriou, Cyrana, Hubside e Serena. L’associazione accusa queste società di aver ignorato le richieste dei consumatori di annullare i contratti, continuando a effettuare addebiti diretti e ritardando o rifiutando i rimborsi per un periodo compreso tra marzo 2014 e luglio 2020.

Fonte: L’Argus de l’Assurance