Il fallimento di B3i solleva dubbi sulla blockchain nel settore assicurativo

Oltre il 20% dei dirigenti globali ritiene che la blockchain sia una montatura, dato che il principale organismo di blockchain assicurativo, l’iniziativa B3i, è fallito. In particolare, tra le sette tecnologie emergenti ma all’avanguardia, i dirigenti aziendali ritengono che alla blockchain manchi il maggior numero di casi d’uso reali nel settore.

Lo dice un’indagine di GlobalData sulle tendenze tecnologiche emergenti per il secondo trimestre del 2022 (campione: 352), che osserva che l’episodio del B3i lascia un punto interrogativo sul ruolo della tecnologia nell’industria, sollevando dubbi sulla sua applicabilità industriale.

Benjamin Hatton, analista del settore assicurativo di GlobalData, commenta: “Sebbene la tecnologia blockchain sia certamente complessa, ci sono stati utilizzi nel settore assicurativo, in particolare nell’assicurazione parametrica per disastri naturali e catastrofi. Alla B3i hanno partecipato molti attori chiave del settore (ri)assicurativo. Il fatto che nessuno di loro sembri avere lo slancio per rilanciare il progetto suggerisce che molti non vedono una fine praticabile per l’iniziativa”.

Un altro 20,7% dei dirigenti globali ha risposto “non so” quando gli è stato chiesto dell’impatto e delle ripercussioni della blockchain. Ciò suggerisce che esiste un livello significativo di incomprensione della tecnologia. Inoltre, è stato chiesto agli intervistati come fosse cambiato il loro sentimento nei confronti delle sette tecnologie nell’ultimo anno, e il 32,4% ha indicato che il loro sentimento nei confronti della blockchain è più negativo rispetto all’anno precedente, il più alto di tutte le tecnologie in questione.

Hatton continua: “La blockchain è stata spesso un argomento mal definito e incompreso. La sua associazione con il mondo delle criptovalute e degli asset digitali le ha lasciato una cattiva reputazione presso molti”. E aggiunge: “Dopo alcuni anni di boom intorno al 2019 e al 2020, sembra che il sentimento negativo stia tornando a insinuarsi per la blockchain, probabilmente anche a causa del crollo dei valori delle criptovalute nel 2022.”

Hatton conclude: “Sebbene questo possa ritardare lo sviluppo e l’implementazione della blockchain nel settore assicurativo, i casi d’uso rimarranno e continueranno ad emergere in futuro. Con l’introduzione e il rafforzamento graduale della regolamentazione all’interno dello spazio, alcune aziende potrebbero acquisire la fiducia nella tecnologia di cui hanno bisogno per riconsiderare il potere della blockchain”.