Ex underwriter di Swiss Re vince una causa per discriminazione sessuale

Un’ex underwriter di Swiss Re AG ha vinto la causa per discriminazione sessuale dopo essere stata umiliata da un dirigente che le aveva detto: “Se avessi un seno come il tuo sarei esigente anch’io”.

Julia Sommer è stata licenziata ingiustamente dopo aver subito un trattamento sessista da parte del suo ex capo, secondo la sentenza di un tribunale del lavoro pubblicata giovedì scorso. La donna ha dichiarato di essere stata vittima di una “campagna calcolata” per licenziarla.

I commenti “hanno minato la mia credibilità professionale in un contesto professionale pubblico e mi hanno ridotta a una barzelletta sessuale”, ha dichiarato in una deposizione testimoniale.

I tribunali del lavoro di Londra sono in prima linea nelle cause di licenziamento ingiustificato tra società finanziarie e dipendenti, anche se le cause per discriminazione sessuale sono spesso risolte a porte chiuse. Oltre al risarcimento dei danni, Sommer ha chiesto al tribunale di prendere in considerazione un audit sulla parità di retribuzione presso Swiss Re, seguendo le orme di un broker di BNP Paribas SA, che sarà pubblicato il mese prossimo.

“Prendiamo atto delle conclusioni del tribunale e le esaminiamo con attenzione”, ha dichiarato Swiss Re in un comunicato. L’azienda “non tollera alcun tipo di discriminazione e si impegna a fornire un ambiente di lavoro equo e inclusivo a tutti i dipendenti”.

Il senior manager Robert Llewellyn, che non lavora più per l’azienda, ha negato di aver fatto i commenti durante il processo di aprile. Ma i giudici hanno detto che in Swiss Re esisteva una cultura di “commenti aperti sulle relazioni” fatti in contesti sociali.

I commenti di Llewellyn potrebbero essere stati uno scherzo, ha detto la giuria, notando che si trattava di “uno scherzo sessista, avvilente e sprezzante, ma comunque un tentativo di scherzo – che è andato male e non avrebbe mai dovuto essere fatto”.

In seguito, nel 2019, Sommer ha presentato una denuncia per discriminazione sessuale contro Llewellyn, dopo che questi le aveva gridato “Stai zitta, Julia!” nel corso di una riunione; secondo lei si trattava di una serie di maltrattamenti rivolti a lei in quanto unica sottoscrittrice donna del team. La Sommer ha dichiarato che questo episodio le ha causato “estremo stress” e ha coinciso con le prime fasi della sua gravidanza.

Durante il suo congedo di maternità e il relativo congedo per malattia, Sommer sostiene di essere stata “trascurata” per due posizioni di responsabilità, nonostante avesse un’esperienza superiore a quella dei colleghi assunti. In seguito ha presentato altre rimostranze contro l’azienda, sostenendo di essere stata esclusa dal lavoro al suo rientro e di essere stata sottoposta a un “finto” giro di riassunzioni. La sua posizione è stata chiusa nel 2021.

Fonte: Insurance Journal