AM Best: capitale riassicurativo in calo di 40 mld $ a fine 2022

AM Best stima che il capitale riassicurativo tradizionale scenderà di circa 40 miliardi di dollari a 435 miliardi di dollari a fine 2022, dopo i forti aumenti registrati in ciascuno dei tre anni precedenti.

Il previsto calo del capitale assicurativo dell’8,4% a 435 miliardi di dollari per il 2022 da 475 miliardi di dollari nel 2021, dopo aumenti del 15,5% per il 2019, dell’8,9% per il 2020 e del 10,7% nel 2021, tiene conto sia dei venti di coda del mercato assicurativo sia dei venti contrari dei mercati dei capitali e degli investimenti.

AM Best sta anche considerando le continue turbolenze geopolitiche e un potenziale calo del PIL globale per le previsioni, ha detto l’agenzia di rating in un rapporto pubblicato lunedì mattina, “Dedicated Reinsurance Capital Growth of 2021 May Not Continue”.

“Con i tassi di interesse in aumento e i mercati azionari in calo, prevediamo una perdita di valore piuttosto consistente nei livelli di capitale riassicurativo tradizionale”, ha dichiarato Dan Hofmeister, analista finanziario senior di AM Best, in un video che accompagna il rapporto sul sito web di AM Best. In senso opposto, il capitale riassicurativo è stato incrementato dai risultati di sottoscrizione, nonostante l’aumento dei sinistri catastrofali nella prima metà dell’anno.

Con l’avanzare della stagione degli uragani, tuttavia, “se dovessimo assistere a un’inversione di tendenza nelle sottoscrizioni, ciò potrebbe rivelarsi molto problematico per i livelli di capitale del settore”, ha affermato Hofmeister.

Il rapporto rileva che molti riassicuratori hanno ridotto sostanzialmente l’esposizione property durante l’ultimo ciclo di rinnovo, ma alcuni sono ancora esposti a quantità significative di contratti di riassicurazione pluriennali. I riassicuratori che non hanno gestito in modo prudente l’esposizione al rischio potrebbero essere esposti a un deterioramento sostanziale del capitale, ha affermato AM Best, facendo riferimento a un doppio colpo di fortuna: perdite di sottoscrizione e rendimenti negativi del mercato degli investimenti nel 2022.

In generale, negli ultimi anni le elevate perdite catastrofali sono state caratterizzate come “eventi di guadagno” piuttosto che di riduzione del capitale, si legge nel rapporto, che sottolinea come i rendimenti di sottoscrizione di molti riassicuratori siano stati prossimi al pareggio, ma che il capitale è cresciuto grazie ai guadagni sugli investimenti e alla capacità di accedere a finanziamenti di debito convenienti.

Il rapporto di AM Best include anche un record decennale dei livelli di capitale riassicurativo di terzi e una proiezione secondo cui il capitale di terzi rimarrà complessivamente stabile a circa 95 miliardi di dollari per il 2022, rispetto ai 94 miliardi di dollari del 2021.

Anche se la flessione del mercato azionario statunitense ha posto problemi di approvvigionamento di capitale per alcuni fondi di titoli assicurativi, AM Best sostiene che il calo della riassicurazione tradizionale in mercati esposti a catastrofi come la Florida potrebbe creare opportunità per i fondi ILS. Laddove la capacità tradizionale è carente, i fondi ILS possono trarre vantaggio da significativi aumenti di prezzo e da termini e condizioni più restrittivi, si legge nel rapporto.

Mettendo insieme il capitale tradizionale e quello di terzi, AM Best stima un calo del 6,7% del capitale riassicurativo da entrambe le fonti, il primo calo in un decennio di dati compilati dall’agenzia di rating.

Stima del capitale riassicurativo dedicato

AM Best lavora in collaborazione con Guy Carpenter per stimare l’ammontare totale del capitale a sostegno del settore riassicurativo. AM Best determina il capitale della riassicurazione tradizionale; Guy Carpenter determina il capitale di terzi.

Il rapporto rileva che i riassicuratori puri con una portata globale sono rari, il che rende necessaria una “analisi incisiva” da parte di AM Best per presentare un quadro accurato del capitale a sostegno del mercato riassicurativo. I riassicuratori globali sono in genere impegnati anche in attività come le assicurazioni speciali e le grandi imprese.

La stima di AM Best sulla capacità riassicurativa tradizionale tiene conto delle allocazioni per classificazione di business. “Dalla fine del 2018, la nostra stima è stata inferiore al 60% del patrimonio netto totale dei dati consolidati per i gruppi che si identificano come riassicuratori”, si legge nel rapporto.

Le stime per il 2022 incorporano l’ipotesi che il capitale verrà indirizzato verso le operazioni di assicurazione primaria dei gruppi più grandi in misura maggiore rispetto a quanto allocato in proporzione negli anni precedenti.

capitale riassicurativo