Assicurazione sanitaria: Alan, un modello di successo?

Creata nel 2016 con l’obiettivo di semplificare l’accesso all’assicurazione sanitaria, Alan ha completato un round di raccolta fondi che valuta l’unicorno francese 2,7 miliardi di euro. Ma questo apparente successo non impedisce ad alcuni analisti finanziari di mettere in dubbio la fattibilità del modello del neo-assicuratore, secondo quanto riporta l’Argus de l’Assurance in un articolo.

Un’impresa per alcuni, un momento felice per altri. Mentre molte aziende tecnologiche iniziano a vedere il loro processo di raccolta fondi diventare più complicato e la loro capitalizzazione crollare nell’attuale clima economico, Alan continua a mettere le cose in chiaro. Sei anni dopo aver ottenuto la licenza assicurativa – la prima in Francia dal 1986 – e tredici mesi dopo aver completato un round di finanziamento di serie D da 185 milioni di euro per sostenere la crescita della società, la start-up francese di assicurazione sanitaria ha completato un nuovo round di finanziamento a maggio: per 183 milioni di euro, la sua valutazione è quasi raddoppiata a 2,7 miliardi di euro!

Per i manager dell’unicorno – termine che designa le start-up valutate più di 1 miliardo di euro – l’aspetto principale è comunque altrove. Alla fine del 2021, Alan dichiarava 255.000 assicurati e un “volume annualizzato di premi da fatturare” al 1° gennaio 2022 di 161 milioni di euro, ossia livelli superiori ai suoi obiettivi.

“Con una crescita rapida, con una media di oltre il 100% all’anno, Alan è già diventato uno dei primi 30 assicuratori sanitari in Francia”, afferma Sergei Galperin, direttore finanziario. “Il nostro coefficiente di solvibilità 2 è ben superiore all’800%, mentre la norma per il settore assicurativo è compresa tra il 180% e il 280%. Inoltre, la nostra posizione finanziaria non è mai stata così forte come oggi, con oltre 250 milioni di euro di liquidità in bilancio”.

Tutto ciò rafforza l’ambizione dell’azienda, che è in perdita sin dalla sua nascita e che sogna di diventare “il partner sanitario preferito da 3 milioni di persone” entro il 2025 nei vari mercati in cui è attualmente presente, ovvero Francia, Belgio e Spagna.

Avrà successo? Le opinioni degli analisti finanziari specializzati in salute e tecnologia sono a dir poco discordanti. Certamente, alcuni riconoscono la pertinenza dell’idea originale di Alan. “I fondatori hanno compreso la necessità di digitalizzare il processo di sottoscrizione delle assicurazioni sanitarie, non solo per ridurre il dispendio di tempo per gli assicurati, ma anche per ridurre i costi di gestione associati a questi prodotti che, per gli assicuratori tradizionali, gravano sulla loro redditività”, osserva Stéphane Olmi, gestore di Gimar & Co. A questo proposito, il fatto di non disporre di una rete di distribuzione fisica è un vantaggio importante. D’altra parte, il suo modello economico solleva interrogativi reali.

Alcuni dubitano già della capacità della giovane azienda di trasformare il processo in un settore così regolamentato come quello assicurativo. “A differenza del broker, l’assicuratore si assume il rischio da un lato e deve fare accantonamenti per il capitale prudenziale dall’altro, il che riduce automaticamente il suo margine di manovra per gli investimenti”, osserva un banchiere. Un’insidia, tuttavia, che Alan ha subito accantonato. “È vero che la licenza assicurativa ci obbliga a detenere una certa quantità di capitale regolamentare, ma si tratta di una quantità molto gestibile in relazione alle nostre dimensioni (attualmente circa 30 milioni di euro)”, spiega Sergei Galperin. “Come ogni nuova azienda focalizzata sul miglioramento di un settore, la stragrande maggioranza del capitale che raccogliamo è dedicata all’innovazione.”

A seguito del recente aumento di capitale, l’assicuratore sanitario presenta un indice di solvibilità di oltre 13 volte superiore ai requisiti normativi e un livello di patrimonio netto prudenziale 54 volte superiore al requisito patrimoniale minimo.

L’altra domanda importante riguarda la composizione del portafoglio clienti di Alan. “Quando si entra in un settore così competitivo come quello dell’assicurazione sanitaria, dove i principali operatori sono già presenti da decenni, si tende a raccogliere, almeno inizialmente, tutti i ‘cattivi rischi’, ovvero i clienti che gli assicuratori tradizionali non hanno voluto prendere in carico”, afferma il responsabile di una compagnia assicurativa. Se a ciò si aggiunge il fatto che un nuovo operatore deve giocare sul prezzo per attirare i primi clienti, questa configurazione contribuisce a peggiorare il rapporto sinistri/premi.

Un punto confutato anche da Alan. “Il nostro margine complessivo è stato positivo ogni anno dalla nostra creazione”, insiste Sergei Galperin. Inoltre, l’azienda sottolinea il fatto che commercializza altri prodotti oltre all’assicurazione sanitaria complementare, in particolare l’assicurazione previdenziale, “che aumentano ulteriormente il margine complessivo della nostra azienda”, secondo il direttore finanziario.

Infine, i banchieri d’investimento sottolineano i segnali che considerano negativi. Il fatto che un direttore rinomato come Guillaume Sarkozy, presente fin dall’inizio dell’azienda, si sia dimesso dalla sua posizione può far pensare che ci sia un dissenso all’interno della governance sulla strategia dell’azienda”, afferma uno di loro. Allo stesso modo, trovo sorprendente che CNP Assurances, che ha preso una partecipazione in Alan al momento della sua creazione, si sia recentemente ritirata dalla società.

Avendo investito attraverso il suo fondo di corporate venture Open CNP, l’assicuratore da parte sua adduce una giustificazione finanziaria. Come ogni veicolo di investimento, Open CNP mira non solo ad aiutare le start-up che sostiene a crescere, ma anche a generare un ritorno finanziario”, afferma Jonathan Denais, amministratore delegato del fondo. Nel caso di Alan, la nostra partecipazione aveva raggiunto un livello significativo dopo cinque anni. Così, quando la società ha iniziato a considerare la sua Serie D, abbiamo deciso di comune accordo di uscire dal capitale. Con una bella plusvalenza per Open CNP.

“Soprattutto, questa decisione non toglie che CNP Assurances creda ancora fermamente nel potenziale di sviluppo di Alan, come dimostra il fatto che i due gruppi continuano a lavorare insieme, con CNP Assurances che è l’assicuratore previdenziale di Alan”, aggiunge Jonathan Denais. Oltre a CNP Assurances, Alan si affida ad altri due riassicuratori, Swiss Re e Gen Re, una filiale dell’americana Berkshire Hathaway.

Divisi sul futuro di Alan, gli specialisti finanziari concordano tuttavia sul fatto che il momento della verità si sta avvicinando. “Dopo sei anni e una serie E, Alan dovrà presto dimostrare agli azionisti che il suo modello è redditizio e offrire loro un’uscita, che si tratti di un’acquisizione da parte di un concorrente o di un’IPO”, insiste un banchiere.

Pur rimanendo discreto sull’argomento, il gruppo è fiducioso e ambizioso. “Mentre le maggiori compagnie assicurative francesi generano rendimenti sul capitale proprio (RoE) compresi tra il 5 e il 10%, il nostro modello di business offrirà una redditività a multipli superiori a questi livelli”, afferma Sergei Galperin. La risposta arriverà nel 2024, quando Alan prevede di essere redditizio in Francia…

Fonte: L’Argus de l’Assurance