Agenti di polizia fotografano Kobe Bryant infortunato: la vedova riceve un risarcimento milionario

Circa due anni e mezzo fa, l’ex stella del basket statunitense Kobe Bryant è morto in un incidente in elicottero. Ora un tribunale ha riconosciuto ai suoi eredi milioni di danni dopo che la polizia e i soccorritori hanno fotografato il luogo dell’incidente.

La vedova di Bryant riceverà un totale di 16 milioni di dollari. Secondo quanto riportato dal Tagesschau, i suoi avvocati avevano dichiarato durante il processo che nelle prime 24 ore dopo l’incidente, almeno undici agenti di polizia e circa lo stesso numero di vigili del fuoco avevano mostrato o inviato foto del luogo dell’incidente a conoscenti e altri soccorritori.

Gli avvocati della controparte hanno dichiarato che le foto erano state scattate, ma mai pubblicate. Secondo il rapporto, la vedova di Bryant e l’altro querelante, Chris Chester, hanno provato grande sofferenza emotiva a causa di queste azioni. Anche la moglie e la figlia di Chester erano morte nell’incidente.

Secondo la sentenza, è stato anche a lui riconosciuto un risarcimento di 15 milioni di dollari. In un processo separato, anche ad altri parenti è stato riconosciuto un risarcimento di 2,5 milioni di dollari.
La vedova di Bryant ha fatto causa anche alla compagnia di elicotteri. Una delle accuse è che il pilota sia stato negligente quando ha volato nella nebbia, cosa che è costata la vita a Kobe e Gianna Bryant e ad altre sette persone.

Una controllata dell’assicuratore statunitense Sompo ha dichiarato in un comunicato di non essere tenuta a pagare il risarcimento, come aveva fatto in precedenza il fornitore del volo. L’assicuratore Endurance ha fornito all’OCH una polizza con un limite di dieci milioni di dollari USA per i danni fisici e materiali. Allo stesso modo, la compagnia ha accettato di difendersi “con riserva di diritti”, una procedura non rara nei casi assicurativi. Endurance intende ora avvalersi del diritto di riserva.

Fonte: Versicherungswirtschaft-Heute