La finanza? È gestita in un click

CON L’EMERGENZA COVID-19 L’IMPATTO DELLA TECNOLOGIA SULLE ABITUDINI DEGLI ITALIANI È RILEVANTE
Pagina a cura di Irene Greguoli Venini
Con l’emergenza sanitaria l’impatto della tecnologia nella vita quotidiana delle persone è cresciuto. Tra gli ambiti in cui l’abitudine di usare i canali digitali si sta consolidando anche in Italia ci sono i sistemi per acquistare e pagare online, molto spesso direttamente dallo smartphone, con il diffondersi di app dedicate. Ma non solo: in generale per la gestione delle proprie finanze, per il risparmio e gli investimenti le soluzioni digitali stanno assumendo un peso sempre maggiore.

Secondo la seconda edizione della ricerca Paying Digital, Living Digital di Mastercard, realizzata in collaborazione con AstraRicerche focalizzandosi sulle nuove abitudini in fatto di tecnologia consolidate durante l’emergenza Covid-19, tra le varie innovazioni tecnologiche che hanno avuto maggior impatto sulla vita degli italiani ci sono le app di messaggistica istantanea, considerate dal 54,7% degli interpellati fondamentali per tenersi in contatto con amici, affetti e conoscenti; la quota sale al 63% se si considera la fascia più giovane della popolazione (dai 15 ai 24 anni) che si distanzia di 10 punti percentuali dalle altre fasce. Dopo la comunicazione c’è il mondo dei consumi, dove le tecnologie più impattanti sono le piattaforme di e-commerce e di acquisto online, fondamentali per il 48,1% degli italiani (53% per le persone tra i 55 e i 65 anni), e i pagamenti digitali o tramite smartphone e wearable con un 47%.

Seguono le piattaforme per videochiamate e videoconferenze (45,5%), strumenti particolarmente apprezzati dalle donne (49%) e che sono diventati indispensabili per il lavoro da remoto, la didattica a distanza o semplicemente per tenersi in contatto con i propri affetti. Poi ci sono innovazioni, come l’identità digitale, che stanno modificando e semplificando il rapporto con la pubblica amministrazione (43,1%), ma anche le piattaforme di streaming per la visione di film e serie tv con un 33,6%, particolarmente popolari tra i più giovani (44% nella fascia di età 15-24 anni), l’online banking (33,6%), che si conferma fondamentale per la gestione delle proprie finanze, soprattutto per i 55-65enni. Infine, ci sono le piattaforme di prenotazione per l’assistenza sanitaria (30,1%), i pagamenti con carte contactless (28%) e le app per la gestione delle code all’interno di negozi e uffici pubblici (24,3 %).

Con le app pagare è più semplice. In questo contesto, uno degli ambiti che si sta sviluppando particolarmente è quello dell’e-commerce e dei pagamenti: non per nulla, i colossi tecnologici come Amazon, Google, Apple e Samsung propongono sistemi (Amazon Pay, Apple Pay, Google Pay e Samsung Pay) che, caricando la propria carta di credito, consentono di pagare nel mondo fisico avvicinando lo smartphone al lettore e in quello digitale usando i sistemi di autenticazione dell’app.

Tra le nuove soluzioni su questo fronte c’è per esempio Yap, un’app di mobile banking ideata da Nexi per i giovani, che permette di raccogliere e scambiare denaro, di pagare gli acquisti online e offline grazie al collegamento con la carta prepagata virtuale (MasterCard) sfruttando la tecnologia NFC degli smartphone con i servizi di pagamento Google Pay e Apple Pay.

Oppure c’è Satispay: occorre scaricare l’app sul proprio smartphone e registrarsi inserendo i propri dati identificativi e l’iban del conto corrente; una volta iscritti e impostato il budget di cui si desidera disporre, è possibile pagare presso esercenti fisici e online convenzionati, scambiare denaro con i contatti della rubrica telefonica, effettuare ricariche telefoniche, oltre a pagare i bollettini, i servizi della pubblica amministrazione e il bollo auto e moto, donare a enti no profit e accumulare piccole somme di denaro in modo automatico.

Le soluzioni per rateizzare. Ci sono poi varie soluzioni che rendono possibili i pagamenti a rate degli acquisti effettuati sul web. Per esempio Klarna, che permette di posticipare i pagamenti. Con l’app è possibile effettuare acquisti in una serie di negozi e suddividere la spesa in tre rate senza interessi che verranno addebitate sulla carta ogni 30 giorni. L’app consente di monitorare gli acquisti per conoscere il livello di spesa e anche di gestire gli eventuali resi.

Funziona in modo simile Scalapay: con l’app è possibile comprare nei negozi online convenzionati, dilazionando in tre pagamenti uguali l’intero importo, il tutto senza interessi o costi aggiuntivi.

Su questo fronte c’è anche Clearpay, un sistema che permette ai consumatori di ricevere immediatamente i prodotti che comprano e di pagarli in quattro rate in un breve periodo di tempo, senza interessi. Per usare questa soluzione occorre selezionare Clearpay al momento del checkout dell’acquisto digitale e compilare una breve form per ottenere una decisione di approvazione istantanea; il servizio paga al negozio l’intero importo dell’ordine così che lo store possa spedirlo subito e poi divide l’importo in 4 rate che vengono prelevate automaticamente ogni 14 giorni.

Le piattaforme per gestire le spese e i risparmi. Se l’home banking è diventato fondamentale per gestire le operazioni bancarie, sono diverse le soluzioni che consentono di gestire le spese, pianificare, risparmiare e investire. Tra queste per esempio c’è Gimme5, un servizio che aiuta ad accumulare somme a partire da 5 euro, scegliendo ogni volta se e quanto risparmiare, senza vincoli di ricorrenza o durata, con la possibilità di impostare anche regole automatiche. Gli importi accumulati confluiscono in un fondo comune di investimento gestito da AcomeA SGR (Società di Gestione del Risparmio). La piattaforma offre anche un percorso di contenuti personalizzato composto da suggerimenti, articoli e funzionalità avanzate.

Una soluzione nuova nel campo degli investimenti è Vivid Money, piattaforma di servizi finanziari per gestire in una sola app diversi aspetti delle proprie finanze personali. Arrivata in Italia di recente, Vivid Money è una start-up che unisce banking e investimenti in un’unica app, progettata per introdurre le persone agli investimenti tramite il cashback, con un meccanismo che permette di approfittare dei rialzi del mercato senza rischiare di perdere la cifra investita.

Oppure c’è Oval, app che consente di risparmiare in modo automatico e ricorrente, impostando le regole in base agli obiettivi, gestire gli investimenti, oltre a inviare pagamenti, fare bonifici, prelevare e depositare contanti. La piattaforma, infatti, permette di mettere da parte un importo fisso, arrotondare le spese, scoprire prodotti finanziari con diversi livelli di rischio e creare un portafoglio d’investimento a partire da 10 euro.

Dedicata alla pianificazione e alla gestione del budget familiare è invece Money Pro: la piattaforma dà la possibilità di pianificare il budget creando diverse voci, per le entrate e le uscite, di visualizzare l’andamento globale e di ciascuna categoria dopo aver aggiunto ogni spesa sostenuta e di impostare i budget per trasferire il surplus del periodo corrente su quello successivo. Inoltre, è disponibile un calendario per le date di scadenza degli addebiti con un sistema di promemoria che avvisa l’utente.
Fonte:
logoitalia oggi7