Fitch: i tassi di riassicurazione aumenteranno a gennaio 2022

Fitch prevede che gli aumenti dei tassi di riassicurazione continueranno nella stagione di rinnovo del gennaio 2022, ma la loro adeguatezza è vicina per i principali riassicuratori

I tassi di riassicurazione sono in aumento da diversi anni e mentre le perdite da catastrofi sono state relativamente alte e i maggiori riassicuratori del mondo hanno affrontato le perdite della pandemia COVID-19, ora il mercato potrebbe essere vicino a un maggiore equilibrio, ritiene l’agenzia di rating.

La capacità rimane abbondante e non ci si aspetta che questo cambi radicalmente in futuro.

I fornitori di capitale si stanno dimostrando più cauti nell’inondare la riassicurazione di capacità e nello smorzare i tassi questa volta, il che significa che gli aumenti dei tassi sono stati composti e le condizioni di mercato si sono dimostrate molto più attraenti .

Questo ha fornito una significativa opportunità di crescita tra le maggiori compagnie di riassicurazione del mondo e Fitch ratings riferisce che i premi netti di riassicurazione non vita sono cresciuti di un sostanziale 18,5% nella prima metà del 2021, poiché i prezzi hanno continuato a salire e la domanda è rimasta forte.

Lo slancio dei prezzi è però rallentato, spiega Fitch, poiché abbiamo assistito a due anni di aumento dei prezzi, mentre la capacità è rimasta abbondante.

Questo riflette un grado molto maggiore di disciplina nella riassicurazione, sia sul lato del mercato tradizionale che su quello dei fondi alternativi o ILS.

A spingere i tassi di riassicurazione verso l’alto sono state le continue preoccupazioni legate al deterioramento delle tendenze dei costi dei sinistri, all’aumento dell’inflazione sociale e dei costi dei contenziosi, nonché al modo in cui l’economia globale si riprenderà e a come ciò potrebbe influire sui futuri risultati delle sottoscrizioni.

Tuttavia, finora le perdite dovute alla pandemia sono state considerate solo parzialmente, secondo Fitch Ratings, che avverte: “Finora, i rinnovi non hanno preso in considerazione le perdite legate alla pandemia, ma questo potrebbe cambiare nel 2022 con una maggiore chiarezza sulle perdite finali”.

tassi di riassicurazione

Se dovessero emergere perdite più significative legate alla pandemia, potrebbero diventare un driver a lungo termine per i tassi di riassicurazione. Ma al momento, dato che questo non si è ancora verificato, Fitch ritiene che i tassi di riassicurazione siano destinati a moderarsi, forse in modo significativo, nel corso del prossimo anno.

“È probabile che gli aumenti dei tassi continuino ai rinnovi del gennaio 2022, anche se a livelli un po’ ridotti a una cifra/doppia cifra, dato che l’adeguatezza dei tassi si avvicina”, ha spiegato Fitch.

Un’area in cui i tassi di riassicurazione potrebbero aumentare più velocemente è l’Europa, dopo gli impatti delle inondazioni e del maltempo di quest’estate.

Fitch ha avvertito che le inondazioni di luglio in Europa potrebbero aggiungere 8 miliardi di dollari alle perdite da catastrofe della seconda metà del 2021.

Se si aggiungono gli impatti del maltempo in tutta Europa a giugno, luglio e anche agosto, il settore assicurativo e riassicurativo regionale potrebbe facilmente trovarsi di fronte a 12 miliardi di dollari di perdite dai mesi estivi, forse anche di più.

Se si aggiungono gli impatti della stagione degli uragani, con il picco della stagione atlantica ancora da raggiungere, così come gli impatti degli incendi selvaggi, c’è la possibilità che il capitale riassicurativo debba affrontare perdite superiori alla media anche nel 2021.

Ciò verrebbe preso in considerazione nei rinnovi del 2022, con aumenti di prezzo molto probabili per gennaio e forse a metà anno.