Tasso di mortalità stradale: in nove regioni sopra la media nazionale

Malgrado il calo delle vittime registrato su scala nazionale (-161 casi), in nove tra Regioni e Province autonome i morti sulle strada sono aumentati rispetto al 2018.
In un’ottica di lungo periodo, tuttavia, tutte le regioni registrano una diminuzione delle vittime rispetto al 2010, anno di benchmark per l’obiettivo europeo 2020, con l’eccezione della Provincia autonoma di Bolzano, dove il trend risulta crescente.

Secondo i dati Istat, le regioni con i guadagni percentuali più consistenti, se si escludono i territori di piccole dimensioni che presentano valori più oscillanti nel tempo, sono Lazio (-34,4%), Sardegna (-33,0%), Toscana (-31,7%) e Friuli Venezia Giulia (-30,1%). Variazioni percentuali più contenute, inferiori al 10%, si registrano per Abruzzo e Marche, nessuna variazione per il Molise.

Nel 2019 il numero di morti per 100mila abitanti è più elevato della media nazionale (5,3) in 9 regioni (da 9,2 del Molise a 5,6 della Toscana), più basso in Valle d’Aosta (3,2), Campania (3,8) e Liguria (4,1).

mortalità