Swiss Re in rosso per 1,1 mld $ nel I semestre

Swiss Re ha registrato una perdita netta di 1,1 miliardi di dollari per la prima metà del 2020 e una perdita netta di 519 milioni di dollari per la riassicurazione Danni/Infortuni (P&C Re), trainata dai sinistri e dalle riserve relative alla pandemia COVID-19 in corso (per ben 2,5 mld $).

La perdita netta si confronta con l’utile netto di 953 milioni di dollari nel primo semestre del 2019 e, escludendo il COVID-19, l’utile netto di Swiss Re nel primo semestre del 2020 sarebbe stato pari a 865 milioni di dollari.

La perdita netta del segmento P&C Re dell’azienda, pari a 519 milioni di dollari, si confronta con l’utile netto di 771 milioni di dollari nel primo semestre del 2019, mentre il combined ratio è salito di oltre 15 punti percentuali a 115,8%.

I sinistri e le riserve relativi a COVID-19 hanno avuto un impatto sul segmento di 1,5 miliardi di dollari, in particolare nei settori di business interruption senza danni, cancellazione o rinvio di eventi, gli incidenti e perdite su crediti e fideiussioni.

Nonostante gli impatti negativi della pandemia, Swiss Re ha approfittato del miglioramento del contesto dei tassi durante il periodo, aumentando i premi netti di P&C Re del 10% a 9,6 miliardi di dollari.

L’amministratore delegato (CEO) di Swiss Re, Christian Mumenthaler, ha commentato: “Sulla base delle informazioni attuali e di un’analisi prudente delle nostre attività, e riconoscendo l’incertezza intrinseca della pandemia in corso, ci aspettiamo che i sinistri e le riserve che abbiamo contabilizzato nella prima metà del 2020 coprano la maggior parte delle nostre perdite COVID-19 definitive. Anche se l’impatto sui nostri utili è significativo, rimane gestibile poiché le nostre attività continuano ininterrottamente, tutte le nostre attività stanno registrando buoni risultati e la nostra posizione patrimoniale ci consente di sfruttare opportunità interessanti in un mercato in miglioramento”.

Passando al segmento Vita e Salute (L&H Re), Swiss Re ha registrato un utile netto di 74 milioni di dollari, rispetto all’utile netto di 459 milioni di dollari dell’anno precedente. Secondo Swiss Re, escludendo gli effetti della pandemia COVID-19, l’utile netto di L&H Re sarebbe stato di 516 milioni di dollari.

All’interno di L&H Re, i sinistri e le riserve relativi a COVID-19 hanno raggiunto i 548 milioni di dollari nel primo semestre del 2020, trainati soprattutto dai maggiori sinistri di mortalità negli Stati Uniti e nel Regno Unito rispetto ai livelli previsti. I premi netti incassati e le entrate da commissioni nel primo semestre del 2020 sono balzati del 6,2% a 6,7 miliardi di dollari.

Il ramo assicurativo commerciale dell’azienda, Swiss Re Corporate Solutions, ha registrato una perdita netta di 301 milioni di dollari nel primo semestre del 2020 rispetto a una perdita netta di 403 milioni di dollari nel primo semestre del 2019. L’unità ha registrato un combined ratio del 122,6% contro il 132,8% del primo semestre del 2019.

Nel contempo, il segmento Vita di Swiss Re’s Life Capital ha registrato una perdita netta di 217 milioni di dollari nel 1° semestre 2020 rispetto a un utile netto di 5 milioni di dollari nel 1° semestre 2019.

Swiss Re