Swiss Re: danni da catastrofe assicurati stimati in 31 mld $ nel I semestre

Le perdite economiche globali derivanti da catastrofi naturali e disastri causati dall’uomo nella prima metà del 2020 sono state pari a 75 miliardi di dollari, secondo la stima preliminare di Swiss Re Institute. Il dato è in crescita rispetto ai 57 miliardi di dollari per lo stesso periodo dell’anno precedente, ma ben al di sotto della media delle perdite economiche del primo semestre dei 10 anni precedenti (112 miliardi di dollari).

Del totale, circa il 40% (31 miliardi di USD) è coperto da assicurazione. Nel
precedenti 10 anni, i sinistri assicurati nel primo semestre sono stati in media pari a 36 miliardi di USD.

Queste stime riguardano i danni property ed escludono le richieste di risarcimento connesse al COVID-19.

Oltre 2.000 persone hanno perso la vita o sono scomparse in eventi disastrosi durante il primo semestre di quest’anno. Gli eventi che hanno determinato le perdite del primo semestre sono stati rischi secondari, con i temporali in Nord America che hanno giocato un ruolo significativo.
Dei 75 miliardi di dollari di perdite economiche globali totali nella prima metà del 2020,
le catastrofi naturali hanno rappresentato 72 miliardi di dollari, contro i 52 miliardi di dollari del I semestre 2019. I restanti 3 miliardi di dollari di perdite sono stati causati da
disastri causati dall’uomo, in calo rispetto ai 5 miliardi di dollari del primo semestre del 2019. Questo declino è stato in parte dovuto alla pandemia COVID-19, con lockdown
in tutto il mondo, che hanno bloccato l’attività economica in molti paesi del mondo.

I danni assicurati globali da catastrofi naturali sono saliti a 28 miliardi di dollari nel
primo semestre 2020 da 19 miliardi di USD dell’anno precedente, mentre le perdite assicurate dovute a catastrofi causate dall’uomo sono scese da 4 miliardi di dollari a 3 miliardi di dollari.

Le catastrofi secondarie sono ancora una volta i principali fattori di danno in Nord America, dove gravi tempeste (temporali con tornado, inondazioni e grandine) hanno causato perdite assicurate per oltre 21 miliardi di dollari nel I semestre. E’ il costo più elevato dal primo semestre 2011,quando le perdite si aggiravano intorno ai 30 miliardi di dollari. A giugno, Calgary in Canada ha subito perdite per 1 miliardo di dollari per i danni causati dalla grandinata più costosa di sempre in Canada.

A partire da maggio, le forti piogge hanno causato gravi inondazioni, un altro esempio di
pericolo secondario, in diverse province lungo il fiume Yangtze in Cina. Perdite
da incendio si sono verificati nuovamente a partire dall’inizio dell’anno in Australia, dando così luogo alla più lunga e distruttiva stagione di incendi di sempre (da settembre 2019 a febbraio 2020). A seguire, la Siberia Artica ha sentito il peso degli incendi boschivi: le temperature eccezionalmente alte e il clima secco hanno fornito le condizioni ideali per la combustione su larga scala.

Swiss Re prevede che il cambiamento climatico peggiori e amplifichi la scala degli eventi di pericolo secondario e delle perdite associate nel futuro.

A febbraio, il Nord Europa è stato colpito da due intense tempeste di vento consecutive
(Ciara e Dennis). Il forte vento e le forti piogge hanno causato inondazioni,
interruzioni e perturbazioni del trasporto, che hanno causato perdite assicurate combinate di più di 2 miliardi di dollari.

Il ciclone Amphan nella Baia del Bengala ha causato una perdita economica di 13 miliardi di dollari, attestandosi come il ciclone tropicale più distruttivo che l’India abbia mai visto. Le perdite assicurate dovrebbero essere però solo una frazione del totale.

catastrofe