I semestre superiore alle attese per RSA

A differenza di molte compagnie del settore assicurativo danni e infortuni, i risultati di RSA per il primo semestre del 2020 sono leggermente superiori alle previsioni.

L’assicuratore ha registrato un aumento del 13% del suo risultato operativo rispetto al primo semestre del 2019, raggiungendo i 349 milioni di sterline (386,5 milioni di euro).

L’utile tecnico di RSA Group è stato di 240 milioni di sterline (265,8 milioni di euro), in crescita del 33% rispetto ai risultati dell’anno precedente, con un combined ratio del Gruppo del 92,2% ben al di sotto del 100%. In particolare, il combined ratio per le assicurazioni di persone (55% dei premi netti contabilizzati) all’86% è nettamente migliore del combined ratio per il rischio d’impresa al 96,8%.

La crisi dovuta al Covid-19, tuttavia, non ha lasciato completamente indenne RSA, con un utile ante imposte in calo del 7% a 211 milioni di sterline (233 milioni di euro) a causa dell’impatto della pandemia e proventi finanziari in calo del 13% a 134 milioni di sterline (148,4 milioni di euro). I premi netti contabilizzati sono diminuiti del 3% a 3,136 miliardi di sterline (3,473 miliardi di euro). “Stimiamo che l’impatto di Covid-19 abbia ridotto i premi netti contabilizzati di circa 110 milioni di sterline (121 milioni di euro) (-3%) a seguito di riduzioni di prezzo, rimborsi, variazioni delle garanzie e impatti sui volumi di attività specifiche”.

Secondo Stephen Hester, CEO di RSA Group, ha osservato che RSA ha registrato una buona crescita del risultato tecnico nel primo semestre dell’anno grazie a misure volte a migliorare continuamente il proprio business. “L’impatto di Covid-19 sul risultato operativo è rimasto sostanzialmente neutro nel primo semestre dell’anno, nonostante la diminuzione del nostro risultato statutario dovuta agli oneri del mercato finanziario”, ha dichiarato.

I contributi di ciascuna delle regioni RSA sono in linea o migliori del previsto. L’utile operativo in Scandinavia è stato di 164 milioni di sterline (181 milioni di euro); in Canada di 88 milioni di sterline (97 milioni di euro); nel Regno Unito e all’estero di 148 milioni di sterline (163 milioni di euro). “Siamo soddisfatti dei progressi compiuti, che sono in linea con la nostra ambizione di posizionarci come assicuratore “di riferimento” del mercato, così come della performance di sottoscrizione, che rappresenta un record per RSA nel primo semestre dell’anno”, ha dichiarato Stephen Hester.

Ha continuato, “le buone prospettive ci portano comunque a credere che RSA manterrà la sua resilienza e il suo forte posizionamento dopo questo periodo”. L’assicuratore prevede di riprendere la distribuzione dei dividendi “non appena sarà ritenuto prudente, probabilmente in relazione ai risultati annuali del 2020”.

RSA