PartnerRe: in rosso il I semestre, il Covid-19 pesa per 338 mln $

La società di riassicurazione PartnerRe, con sede alle Bermuda, ha registrato una perdita netta di 204 milioni di dollari per il primo semestre dell’anno, anche a causa di 338 milioni di dollari di perdite al lordo delle imposte, al netto dei premi di retrocessione e di reintegrazione, come risultato diretto della pandemia COVID-19.

Nel primo semestre del 2019, PartnerRe aveva registrato un utile netto di 782 milioni di dollari.

I 338 milioni di dollari di perdite COVID-19 sono classificati come riserve sostenute ma non dichiarate, e comprendono 159 milioni di dollari di perdite al lordo delle imposte in P&C, 164 milioni di dollari in Specialty e 15 milioni di dollari in Life and Health. PartnerRe afferma che la maggior parte delle perdite sono attribuibili all’interruzione dell’attività e alle coperture relative alla cancellazione di eventi, all’esposizione creditizia nelle linee finanziarie e nel settore Vita e Salute.

“La pandemia COVID-19 è senza precedenti e la relativa recessione economica è in corso. Continua a sussistere una significativa incertezza circa la piena portata dell’impatto. Nonostante le recenti condizioni di mercato, la posizione di solvibilità della Società è rimasta forte e ha mostrato un miglioramento nel secondo trimestre del 2020. La Società mantiene anche un’ampia liquidità, con una liquidità di 1,4 miliardi di dollari alla fine del secondo trimestre del 2020”, ha dichiarato PartnerRe.

Nel primo semestre del 2020, PartnerRe ha registrato una perdita di sottoscrizione danni di 306 milioni di dollari e un combined ratio del 112,6%.

PartnerRe