Calo dell’utile per Munich Re, il Covid pesa per altri 700 mln nei conti del trimestre

Il colosso globale della riassicurazione Munich Re ha aggiunto circa 700 milioni di euro di perdite legate al COVID-19 nel secondo trimestre del 2020, contribuendo ad un calo dell’utile del trimestre a 579 milioni di euro, rispetto ai 993 milioni di euro dell’anno precedente.

I 700 milioni di euro supplementari di perdite relative a COVID-19 portano l’impatto del riassicuratore del primo semestre del 2020 dalla pandemia in corso a 1,5 miliardi di euro, di cui circa 1,4 miliardi di euro attribuibili alla riassicurazione Danni/Infortuni (P&C) e circa 0,1 miliardi di euro alla riassicurazione Vita/Malattia (L&H).

Munich Re osserva che le perdite più significative sono correlate alla cancellazione o al rinvio di eventi importanti, mentre, in misura minore, vi sono state perdite anche in altri rami danni, come ad esempio l’interruzione dell’attività.

Complessivamente, le perdite maggiori di Munich Re, pari a oltre 10 milioni di euro ciascuna, sono state pari a 799 milioni di euro nel secondo trimestre, in aumento rispetto ai 202 milioni di euro registrati nel secondo trimestre del 2019. Il riassicuratore osserva che i sinistri gravi causati dall’uomo sono stati pari a 632 milioni di euro nel secondo trimestre, mentre i sinistri gravi dovuti a catastrofi naturali sono stati piuttosto bassi nel trimestre, pari a 167 milioni di euro.

A seguito dell’aumento dei sinistri nel secondo trimestre, la riassicurazione P&C di Munich Re ha contribuito al risultato per 348 milioni di euro. Il volume dei premi è aumentato a oltre 5,5 miliardi di euro, anche se il combined ratio in questo segmento è peggiorato dall’86,9% nel secondo trimestre del 2019 al 99,9% nel secondo trimestre del 2020. Nel semestre il combined ratio dell’unità è peggiorato al 103%.

Il comparto L&H della compagnia ha prodotto un utile di 59 milioni di euro nel secondo trimestre, in calo rispetto ai 154 milioni di euro annunciati nello stesso periodo dello scorso anno. La raccolta premi di questo business è migliorata significativamente nel trimestre, raggiungendo 3,332 miliardi di euro contro i 2,74 miliardi di euro del secondo trimestre 2019.

La pandemia di coronavirus ha avuto un impatto anche sul risultato tecnico della riassicurazione L&H di Munich Re, con un risultato che riflette l’aumento delle perdite a seguito dei decessi di COVID-19. Il risultato tecnico è stato pari a 48 milioni di euro nel secondo trimestre del 2020, in calo rispetto ai 72 milioni di euro dell’anno precedente.

Nel complesso, le operazioni di riassicurazione di Munich Re hanno contribuito al risultato consolidato del secondo trimestre per 407 milioni di euro, in calo rispetto agli 858 milioni di euro dell’anno precedente. Nei primi sei mesi dell’anno, le operazioni di riassicurazione hanno contribuito al risultato per 555 milioni di euro, contro 1,4 miliardi di euro nel primo semestre del 2019.

ERGO, il principale ramo assicurativo di Munich Re, ha registrato un aumento dell’utile a 173 milioni di euro per il secondo trimestre del 2020 e a 220 milioni di euro per il primo semestre. Munich Re attribuisce questa crescita al segmento Internazionale dell’unità, che ha prodotto un risultato superiore di 59 milioni di euro nel secondo trimestre 2020.

In totale, quindi, l’utile di Munich Re è sceso dai 993 milioni di euro nel secondo trimestre del 2019 a 579 milioni di euro nel secondo trimestre del 2020 e, per il primo semestre, l’utile del riassicuratore ha raggiunto gli 800 milioni di euro nel 2020, rispetto ai 1,626 miliardi di euro del primo semestre del 2019.

Anche il risultato operativo è sceso su base annua a 755 milioni di euro rispetto a 1,419 miliardi di euro nel 2019, mentre l’altro risultato non operativo è stato pari a -6 milioni di euro.

Complessivamente, la società ha registrato un aumento dell’8,7% dei premi lordi contabilizzati, a 12,827 miliardi di euro nel secondo trimestre del 2020, mentre nel primo semestre del 2020 il GWP è aumentato del 7,7% a 27,112 miliardi di euro.

Joachim Wenning, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Munich Re, ha commentato: “Il mondo è ben lontano dallo sconfiggere il coronavirus. Per questo motivo abbiamo fatto tutto il possibile per proteggere il personale e le loro famiglie, nonché i clienti e i partner contrattuali di COVID-19. Munich Re uscirà da questa crisi economicamente più forte. Stiamo crescendo in modo proficuo, adottando al contempo misure per beneficiare delle condizioni di mercato notevolmente migliorate per i riassicuratori. Inoltre, stiamo utilizzando il capitale originariamente destinato al programma di riacquisto di azioni 2020/2021 – che non attueremo – per investire in una crescita redditizia della riassicurazione. I prezzi sono aumentati in nove cicli di rinnovo consecutivi e la raccolta premi è cresciuta di conseguenza. Con il nostro portafoglio di alta qualità, prevediamo di registrare un volume di premi pari a 54 miliardi di euro nel 2020 – che segnerebbe un nuovo record nei 140 anni di storia di Munich Re”.

Munich Re