AIG in calo del 56% gli utili del II trimestre

AIG ha registrato un calo del 56% degli utili trimestrali rettificati, spinto in parte da un aumento dei sinistri catastrofali e da minori rendimenti del private equity.

L’utile rettificato al netto delle imposte attribuibile agli azionisti di AIG è sceso a 571 milioni di dollari nel secondo trimestre conclusosi il 30 giugno, da 1,3 miliardi di dollari dell’anno precedente.

AIG ha registrato una perdita di sottoscrizione di 343 milioni di dollari nel settore assicurativo generale, a fronte di un profitto di 147 milioni di dollari l’anno precedente.
La perdita comprende 674 milioni di dollari per catastrofi, al netto della riassicurazione, che riflettono in parte 458 milioni di dollari relativi a COVID-19 e 126 milioni di dollari per sinistri relativi ai disordini civili.

Il calo dei viaggi durante la pandemia ha colpito le attività di AIG nel settore delle assicurazioni di viaggio.

Il reddito netto rettificato degli investimenti è sceso di 537 milioni di dollari da un anno fa a 3,2 miliardi di dollari. La performance è stata danneggiata da 276 milioni di dollari di perdite nel private equity rispetto ai 238 milioni di dollari di entrate private equity di un anno fa.

I premi lordi sottoscritti sono scesi del 2% a 8,47 miliardi di dollari nell’attività assicurativa generale.

L’unità Vita e pensioni di AIG ha registrato un utile ante imposte rettificato di 881 milioni di dollari rispetto a 1,0 miliardi di dollari di un anno fa, spinto in parte dalle perdite e dai decessi del private equity della COVID-19.

AIG