Sara Bi-Fuel punta sulla trasparenza

La polizza vita di Sara Assicurazioni coniuga semplicità di strutturazione e flessibilità nell’asset allocation. Con buoni esiti

di Fausto Tenini e Alessandro Lazzari * (Assinews)

Sara Bi-Fuel è una polizza vita multiramo offerta da Sara Assicurazioni, collegato contestualmente alla gestione separata Fondo Più e a due fondi interni assicurativi, Sara Obbligazionario e Sara Azionario. In relazione alle prestazioni assicurative, in caso di vita dell’assicurato si otterrà a scadenza la somma del capitale assicurato in vigore alla data di scadenza e del capitale variabile calcolato sulla base del valore unitario delle quote dei fondi in vigore alla data di scadenza. Mentre in caso di decesso dell’assicurato si otterrà la somma del capitale assicurato in vigore alla data del decesso e del capitale variabile valorizzato al giorno di riferimento utile per la richiesta di liquidazione, a cui andrà aggiunta la maggiorazione ottenuta applicando al capitale variabile una percentuale che decresce al crescere dell’età dell’assicurato alla data del decesso. La maggiorazione non potrà comunque risultare superiore a 50 mila euro e verrà riconosciuta nel caso siano trascorsi almeno sei mesi tra la data di entrata in vigore del contratto e quella di decesso. La durata minima del contratto è di cinque anni, con valore massimo fissato a 20 anni. Il contraente potrà richiedere che l’importo liquidato alla scadenza venga convertito in una rendita annua vitalizia immediata rivalutabile, erogabile ai beneficiari designati, finché l’assicurato sia in vita, in modo certo nei primi cinque o 10 anni e successivamente finché l’assicurato sia in vita, oppure su due teste. In quest’ultimo caso alla prima testa finché l’assicurato sia in vita e, successivamente, in misura totale o parziale, finché sia in vita l’altro soggetto (seconda testa). Sotto il profilo finanziario, Sara Bi-Fuel è stata strutturata in modo da potersi declinare in quattro differenti linee d’investimento, che l’investitore sceglie al momento della sottoscrizione del contratto: il peso della gestione separata, cioè l’impiego a bassissimo rischio, può infatti oscillare tra un minimo del 50% e un massimo dell’80%, mentre il rimanente è dedicato all’opzione di investimento più aggressiva, a cui viene delegata la generazione di extra-rendimento ma da cui deriva anche più volatilità. Per la linea Equilibrata è previsto che il premio, unico, al netto del caricamento venga ripartito inizialmente tra la gestione separata Fondo Più (con peso al 60%), Sara Azionario (30%) e Sara Obbligazionario (rimanente 10%). Sulla quota investita nella gestione separata è prevista la garanzia della restituzione del capitale assicurato (misura annua di rivalutazione minima garantita). Il valore unitario delle quote dei fondi Sara Azionario (fondo di fondi azionari) e Sara Obbligazionario, influenzato dalle oscillazioni di prezzo dei bond in carico, è valorizzato su base settimanale. Al mutare delle esigenze dell’investitore, per sfruttare al meglio opportunità di mercato o difendere quanto realizzato, è offerta la possibilità di effettuare switch tra un fondo interno e l’altro, mantenendo costante la quota investita in Fondo Più. Per i Soci Aci sono inoltre previste condizioni privilegiate sui rendimenti riconosciuti. La composizione della gestione separata si focalizza per la metà del capitale sui titoli di stato italiani, seguiti da quote importanti in Oicr e altre obbligazioni in euro, governative e non, generando nel 2018 un rendimento lordo del 2,83%. Il periodo di detenzione raccomandato per il prodotto è di dieci anni e su tale orizzonte temporale il profilo Equilibrato stima nel Kid, al netto dei costi, un rendimento medio annuo dello 0,82% in caso di mercati leggermente a favore (+2,99% annuo nello scenario migliore); lo scenario di stress dei mercati evidenzia invece una perdita media annua stimata nell’ordine del 3,10%, derivante principalmente dalla componente azionaria. I costi sono invece relativamente contenuti, fotografabili all’1,68% annuo al decimo anno di investimento. (riproduzione riservata)

Clicca qui per la scheda

Fonte: