Munich Re: utile netto a 993 mln nel II trimestre

L’utile netto di Munich Re è salito del 36% nel 2° trimestre e la compagnia di riassicurazione tedesca ha confermato la guidance per l’intero 2019. Si tratta del miglior risultato trimestrale degli ultimi 4 anni.

Nello specifico l’utile netto si è attestato a 993 milioni di euro rispetto ai 724 mln euro dello stesso periodo dello scorso anno.  Il risultato si è attestato al di sopra delle attese degli analisti. L’utile operativo è stato pari a 1,57 miliardi, in rialzo del 57% su un anno.

I premi lordi contabilizzati sono poi saliti del 5,5% da 11,2 miliardi di euro a 11,8 mld euro.

“Siamo orgogliosi di aver registrato i migliori risultati trimestrali da quattro anni a questa parte”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Munich Re, Joachim Wenning, puntualizzando che l’azienda “è sulla buona strada sia a livello strategico che finanziario”.

Munich Re

Il rendimento annualizzato on risk-adjusted (RORAC) nel secondo trimestre è stato pari al 15,5% e al 12,7% nel primo semestre. La redditività complessiva del capitale proprio (ROE) è stata pari al 13,6% nel secondo trimestre e all’11,5% nel primo semestre.

Il coefficiente di solvibilità è stato pari a circa il 245% alla fine del secondo trimestre e quindi stabile rispetto all’inizio dell’anno (244%).

Nel primo semestre 2019, Munich Re ha riacquistato complessivamente 1,9 milioni di azioni per un valore di 0,4 miliardi di euro nell’ambito del programma di riacquisto di azioni proprie.

Il settore riassicurativo ha contribuito al risultato consolidato del secondo trimestre per 858 milioni di euro (620 milioni). Il risultato operativo ammonta a 1.162 milioni di euro (701 milioni di euro). I premi lordi contabilizzati sono aumentati del 9,4% a 7,583 milioni di euro (6,932 milioni di euro).

La riassicurazione vita e malattia ha registrato un utile di 154 milioni di euro; la raccolta premi è salita a 2.740 milioni di euro. Il risultato tecnico è stato pari a 64 milioni di euro nel secondo trimestre e a 169 milioni di euro nel primo semestre.  Per i prossimi trimestri è prevista una maggiore volatilità degli utili. Munich Re sta attualmente collaborando con i propri clienti per il risanamento del portafoglio esistente.

Nel secondo trimestre, la riassicurazione Danni/Infortuni ha contribuito al risultato per 704 milioni di euro. Il volume premi è salito a 4.842 milioni di euro, grazie in particolare all’impatto positivo degli effetti valutari. Il combined ratio, pari all’87,7%, è risultato contenuto. Nel primo semestre è stato pari al 92,8%, che è sulla buona strada per raggiungere il livello di Munich Re di circa il 98% per l’intero anno.

La spesa complessiva per perdite significative superiori a 10 milioni di euro è stata di 202 milioni di euro per il secondo trimestre e di 680 milioni di euro per i primi sei mesi dell’anno. Queste cifre comprendono i profitti e le perdite per i grandi sinistri degli anni precedenti, compresa una spesa aggiuntiva di circa 80 milioni di euro per le perdite dal tifone Jebi. Le maggiori perdite sono state pari al 4,1% del premio netto di competenza per il secondo trimestre e sono quindi nettamente inferiori al valore medio a lungo termine del 12%. Nel primo semestre, le maggiori perdite sono state pari al 6,9% del premio netto di competenza. Nel secondo trimestre del 2019 le maggiori perdite causate dall’uomo sono state pari a 47 milioni di euro, mentre quelle dovute a catastrofi naturali sono state pari a 155 milioni di euro.

Infine la società di riassicurazione ha confermato la guidance del 2019 e del 2020. Il gruppo si aspetta un utile netto di 2,5 miliardi di euro quest’anno e di 2,8 mld euro il prossimo.