Genertel si rafforza sul digitale

La società di Generali sigla una partnership con Yolo e Che Banca! per assicurazioni online
Polizze on demand, dalle auto ai viaggi e fino allo sport
di Giovanni Galli

Dalle cabine telefoniche in un appartamento di Trieste al digitale, anche in collaborazione con Che Banca! e Yolo per una copertura assicurativa personalizzata che va dalle auto ai viaggi e fino allo sport.
Genertel, società diretta da Generali Italia, compie 25 anni e spinge sull’innovazione: si tratti di modelli di business, offerta assicurativa, modalità di relazione con il cliente o partnership strategiche. Nata a Trieste nel ’94 con la liberalizzazione del mercato e prima società a vendere polizze al telefono e poi su Internet, la compagnia ha attivato una partnership con la società di insurtech Yolo e con Che Banca!. L’obiettivo? Sviluppare servizi personalizzati in ambito assicurativo sottoscrivibili attraverso i canali digitali di CheBanca! e coperture assicurative al 100% accessibili con il mobile banking dell’istituto di credito di Mediobanca sviluppate in collaborazione con Yolo, specializzato in intermediazione assicurativa digitale.
«L’innovazione contraddistingue Genertel fin dalla sua fondazione, di cui quest’anno ricorre il 25° anniversario», ha spiegato Manlio Lostuzzi, amministratore delegato di Genertel e Genertellife, che da settembre ricoprirà un nuovo incarico. «Con questo accordo confermiamo l’impegno nell’innovare l’offerta assicurativa con soluzioni a portata di mano. Questo significa essere per i clienti un ”partner di vita” supportandoli con soluzioni più adatte a ciascun momento in modo semplice, accessibile e completamente digitale».

Dall’auto alle biciclette, dai viaggi allo sport, saranno queste alcune delle prime proposte di copertura temporanea, anche di breve durata, disponibili per i clienti CheBanca! in risposta alle esigenze assicurative. Altre soluzioni saranno poi implementate nei prossimi mesi.
«La partnership con CheBanca! e Genertel riflette la missione di Yolo», ha sottolineato Gianluca De Cobelli, co-founder e amministratore delegato di Yolo Group, «ovvero permettere a banche e compagnie assicurative di definire, tramite la piattaforma tecnologica di Yolo, basata su intelligenza artificiale, un’offerta personalizzata, on-demand, adatta anche a coprire situazioni determinate e circoscritte con un pricing flessibile». In pratica i pacchetti assicurativi si profilano in base alle esigenze del cliente, studiati per adattarsi alle abitudini, alla vita personale e professionale.

Genertel, che con Genertellife costituisce l’unico polo assicurativo vita e danni dedicato ai canali diretti e alternativi, forte di 32 miliardi di attivi e oltre un milione e centomila clienti ha raggiunto nel 2018 una raccolta superiore a 4,4 miliardi di euro. Attraverso il servizio di assistenza clienti, gestisce oltre 20 mila contatti quotidiani e nel 25° anniversario dalla fondazione, Genertel insieme a Genertellife, puntano sull’innovazione e sulla cessione del quinto, ovvero nel ramo credito, elaborando una strategia commerciale per sviluppare tutte le potenzialità della propria offerta e dei propri servizi.

Nell’ambito del piano innovativo, l’attuale a.d. di Genertel/Genertellife, dal 1° settembre 2019 sarà responsabile Generali global corporate & commercial. Al suo posto Maurizio Pescarini, attuale amministratore delegato di Generali Turchia.
Genertel, coerentemente con la strategia di gruppo, si impegna a costruire una nuova modalità di relazione, di qui la nascita di diverse soluzioni di assicurazione vita che includono un programma di prevenzione per la sua salute. Oltre alla copertura tradizionale, iLove prevede l’opzione Care Program e My Clinic, un programma di prevenzione di check up medici gratuiti ogni due anni con uno sconto immediato fino al 15% sul premio. My clinic è anche piattaforma che consente di chiedere fino a 6 consulenze mediche all’anno anche via Skype, accedere ad una sezione su sintomi e curiosità e avere sempre a disposizione la cartella clinica.
© Riproduzione riservata

Fonte: