Corea del Sud: la crescita, sostenuta dalla spesa pubblica, non basta a contrastare le avversità

Coface ha pubblicato un nuovo report sulla Corea del Sud e le prospettive di crescita del Paese.

Secondo i dati della Banca di Corea, il PIL del Paese è cresciuto del 2,2% su base annua nel secondo trimestre del 2019, e dell’1,7% rispetto al primo trimestre.

Anche l’economia coreana ha riportato una crescita su base trimestrale dell’1,1% nel secondo trimestre 2019, da una contrazione dello 0,4% su base trimestrale nei primi tre mesi 2019 ed evitando così una recessione tecnica.

Tuttavia, nonostante i dati del PIL nel secondo trimestre 2019 siano migliori delle aspettative, l’economia coreana sta ancora fronteggiando una serie di insidie interne ed esterne.

Gran parte della spinta alla crescita è stata data dallo stimolo fiscale. In risposta all’iniziativa “anemica” privata, la Banca di Corea ha ridotto il tasso di interesse di 25 punti base portando all’1,50% il 18 luglio scorso, riducendo inoltre le stime 2019 su crescita ed inflazione rispettivamente al 2,2% (dal 2,5%) ed allo 0,7% (dall’1,1%).

Per il 2019, riteniamo che la crescita aumenti leggermente, intorno al 2,2% su base annua, grazie al supporto del Governo, con rischi – tuttavia – di cali contenuti.

Download (PDF, Sconosciuto)