Swiss Re: dalle catastrofi danni assicurati per USD 20 mld nel I semestre 2018

Secondo le stime preliminari di sigma (Swiss Re), le perdite economiche globali da catastrofi naturali e disastri causati dall’uomo nella prima metà del 2018 sono state pari a 36 miliardi di dollari.

Questa cifra è ben al di sotto della media decennale di 125 miliardi di USD in perdite economiche e significativamente inferiore alle perdite riportate nello stesso periodo dell’anno precedente (64 mld).

Delle perdite economiche globali nella prima metà del 2018, 20 miliardi di USD sono a carico del settore assicurativo.

I danni maggiori sono stati causati da una serie di tempeste invernali in Europa e negli Stati Uniti. Globalmente, circa 3.900 persone hanno perso la vita o sono scomparse in occasione di calamità durante i primi sei mesi del 2018, rispetto a circa 4.600 dello stesso periodo nel 2017.

Dei 36 miliardi di dollari di perdite economiche globali complessive, le catastrofi naturali hanno rappresentato la maggioranza, ovvero 34 miliardi di USD nella prima metà del 2018, rispetto ai 58 miliardi di USD del primo semestre 2017.
I restanti 2 miliardi di USD di perdite sono state causate da disastri causati dall’uomo.

Le perdite assicurate globali da catastrofi naturali sono scese a 18 miliardi di USD, da 25 miliardi di dollari l’anno prima, mentre le perdite assicurate da disastri causati dall’uomo sono scese a 2 miliardi di USD da 5 miliardi di USD nella prima metà del 2017. La percentuale di danni assicurati si attesta a circa il 56%, in quanto la maggior parte degli eventi disastrosi si è verificata in aree ad alta penetrazione assicurativa.

La tempesta invernale Friederike in Europa è stata l’evento più costoso della prima metà del 2018. La tempesta ha causato perdite significative in Germania e nei Paesi Bassi, ma anche Francia, Belgio e Regno Unito sono stati colpiti. Swiss Re Institute stima le perdite economiche complessive a 2,7 miliardi di dollari, di cui circa 2,1 miliardi assicurate.
Una serie di tempeste invernali negli Stati Uniti, tra cui la tempesta “Nor’easter” a marzo, ha portato forti nevicate, ghiaccio, piogge gelate e inondazioni da alluvioni e inondazioni costiere in vaste aree degli Stati Uniti, causando perdite economiche totali per 4 miliardi di dollari, di cui 2,9 miliardi assicurati. La tempesta di marzo Nor’easter è stata l’evento più costoso per il settore assicurativo negli Stati Uniti durante i primi sei mesi del 2018, con risarcimenti per 1,6 miliardi di dollari.

Nella prima metà del 2018, diverse parti del mondo sono state in balia di ondate di caldo e siccità, innescando importanti epidemie di incendi boschivi in California e in Grecia, provocando una diffusa siccità in tutta Europa e nel sud dell’Australia. Numerose regioni sono esposte a temperature superiori alla media e condizioni climatiche più asciutte. Le perdite derivanti dalla siccità nel settore agricolo e dagli incendi non sono ancora state determinate.