RASSEGNA STAMPA ASSICURATIVA 28/08/2018

logo_mf

  • Vittoria, raggiunta la soglia per il delisting

    A 30 anni dalla quotazione Vittoria Assicurazioni è pronta a lasciare Piazza Affari. Alla chiusura dell’operazione di offerta pubblica di acquisto e scambio, posticipata dal 24 al 31 agosto, manca in verità ancora qualche giorno ma già ieri la compagnia assicurativa  aveva registrato adesioni per il 96,26% del capitale superando la soglia minima del 95% che era stata fissata per il successo dell’opas. Ed è stata oltrepassata anche l’asticella del 95,75% che consentirà lo squeeze out.

 

  • I partner ideali? Banco Bpm e Ubi

    Intervista a Mincione all’indomani della presentazione delle liste per l’assemblea straordinaria di Carige. Una politica stand alone non facilita la crescita di una banca nell’attuale contesto di mercato e con il fintech che incombe, dice il finanziere. Gli schieramenti sono tutti in campo. Nonostante la presenza di quattro liste, la sfida sarà tra la famiglia Malacalza, che oggi ha il 24% della banca ligure e che è autorizzata dalla Bce a salire fino al 28% e il tandem Volpi-Mincione (al momento sommano il 14,4% ma la Time&Life di Mincione salirà dal 5,4% al 9,9%), sostenuti da Aldo Spinelli (1,1%).

  • Sì sofferto al bilancio 2017 di Ferak

    Dopo aver subito il temporaneo stop in tribunale all’aumento di capitale ottenuto dai soci di minoranza, gli Amenduni incassano la prevedibile vittoria dell’approvazione del bilancio 2017 di Ferak, ottenuta però grazie solo alla loro maggioranza e con uno strascico di polemiche. Lo rivela il verbale della riunione del veicolo che ha come unico asset 1’1,37% di Assicurazioni Generali, su cui grava una minusvalenza potenziale di oltre 100 milioni di euro rispetto all’attuale quotazione di borsa.

 


  • Wefox, una piattaforma nel business assicurativo

    Razionalizzare i processi del mondo dell’intermediazione, consentendo migliori rapporti con gli assicuratori e la clientela: è l’obiettivo di wefox Group, la insurtech più grande d’Europa, che vede il colosso Salesforce come socio di riferimento. Mansutti è il broker assicurativo founding partner per l’Italia, quarto paese di espansione del gruppo, con un accordo che prevede un pacchetto azionario della capogruppo.

  • Graduatoria di periti in Basilicata

    La regione Basilicata si doterà di una graduatoria di periti assicurativi da cui attingere per l’affidamento di incarichi professionali. La graduatoria sarà valida 12 mesi ed è prorogabile in caso di particolari esigenze valutate dalla regione.


Repubblica_logo

  • Il patto su Carige che riapre la battaglia

    Dopo che Raffaele Mincione, il finanziere che vuole il controllo di Carige e ha già ritagliato per sé la carica di presidente, ha presentato la sua lista per l’assemblea del 20 settembre, i contendenti per la conquista della banca dei liguri sono tutti in campo.
    Oggi le quattro liste presentate rappresentano il 45% circa del capitale di Carige.


corsera

  • Alpinisti improvvisati (e incivili) Le guide: «Così troppi incidenti»

    È tinta di nero l’estate sull’arco alpino. Oltre 40 vittime in alta quota per incidenti che si sono susseguiti da giugno a fine agosto, dal monte Bianco alle Dolomiti. Se si aggiungono escursionisti, piloti di parapendio, pescatori e praticanti di sport estremi come base-jumping e slackline si sfiorano le 100 vittime. Più di un morto al giorno. Ampiamente superati i numeri degli anni scorsi.

  • Carige, Mincione a caccia di alleati per salire al 29%

    Raffaele Mincione, forte di una posizione di partenza del 20% circa, punta alla maggioranza di Carige e va a caccia deli hedge fund, che potrebbero avere in mano una quota del 10-15%.


  • Carige, si infiamma la battaglia Ora è caccia ai fondi e al retail

    I giochi si faranno tra meno di un mese, il 20 settembre. Ma nell’attesa che l’assemblea dei soci di Carige decreti il vincitore tra la famiglia Malacalza e il ticket Mincione-Volpi, la sfida per il controllo della banca sta dando i suoi primi risultati.

  • Domanda di pensione supplementare solo quando si ha il requisito d’età

    La pensione supplementare non si può chiedere prima di aver compiuto il relativo requisito anagrafico. Con l’ordinanza 21189/2018 depositata ieri, la Corte di cassazione si è occupata della presentazione della domanda amministrativa di pensione supplementare. L’assegno supplementare è riconosciuto a coloro che abbiano accantonato nel Fondo pensione dei lavoratori dipendenti (Ago) e che siano titolari di una pensione principale a carico di un Fondo sostitutivo, esclusivo o esonerativo come la gestione ex Inpdap, a due principali condizioni: aver compiuto l’età pensionabile di vecchiaia e non possedere i requisiti contributivi per la liquidazione di una pensione di vecchiaia.

  • Infiltrazioni, la causa è ignota ma la responsabilità rimane

    In base all’articolo 2051 del Codice civile il danneggiato, oltre a dover provare l’esistenza del rapporto di custodia, è tenuto anche a fornire la prova del nesso causale fra la cosa in custodia e l’evento lesivo. Viceversa il custode, nello specifico il condominio, per andare esente da responsabilità deve dimostrare l’esistenza di un fattore esterno che abbia quei requisiti di imprevedibilità e di eccezionalità tali da interrompere il nesso di causalità, in altri termini, la prova del caso fortuito o della forza maggiore.


  • L’assicurazione scolastica, rompicapo per i genitori 

    Il mercato dell’assicurazione scolastica attira in Francia sempre più compagnie, che proprio in questo periodo moltiplicano le offerte e le strategie. Obbligatoria per le attività facoltative, facoltativa per le attività obbligatorie, l’assicurazione scolastica diventa un vero rompicapo per i genitori al momento dell’inizio della scuola, quando i figli tornano a casa con montagne di dépliant e di bollettini di iscrizione.