QBE annuncia i risultati del primo semestre del 2012 e un aumento dell’utile

QBE ha annunciato gli utili al netto delle tasse del primo semestre del 2012, che hanno segnato una crescita del 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e margini di profitto in linea con gli obiettivi.

Gli utili al netto delle tasse, 760 milioni USD, riflettono la riduzione del costo per sinistri individuali e delle richieste di risarcimento per sinistri catastrofali, una caduta dell’attritional claims ratio e un’ottima performance degli investimenti.

 Il CEO, John Neal ha affermato: “Siamo molto lieti di annunciare una crescita del 13% dei nostri utili al netto delle tasse. Nel 2012, le condizioni dei contratti assicurativi stanno migliorando, sostenuti da una crescita globale superiore al 5% dei tassi. La nostra underwriting performance rimane solida e abbiamo visto una normalizzazione delle richieste di risarcimento nel primo semestre del 2012, dopo l’eccezionale richiesta registrata negli anni 2010 e 2011. Il nostro obiettivo nel 2012 rimane quello di produrre utili all’altezza di un’azienda leader del settore, attraverso un bilancio e una strategia di lungo termine che possa capitalizzare la presenza globale e le economia di scala di QBE”.

 L’utile dalle attività assicurative è cresciuto del 26% a  958 milioni USD, con un margine di profitto del 13% (11,2% nel 2011) e un combined operating ratio (COR) del 92,9% (2011: 95,7%).

Il costo dei grandi sinistri individuali e dei risarcimenti da sinistri catastrofali per l’anno corrente è stato di 592 milioni USD, significativamente inferiore rispetto all’anno precedente (1,080 miliardi USD). I dati includono sostanziali accantonamenti per IBNR di 265 milioni USD con un aumento di 197 milioni USD rispetto al 2011

I premi lordi  sono cresciuti del 3% a 9,223 miliardi USD.

Le entrate da investimenti hanno avuto un ritorno lordo dai fondi dei clienti del 4,7%, al lordo degli oscillamenti dei tassi di cambio (3,6% nel 2011)

Il gruppo ha indicato di essere ottimista per il 2012. L’underwriting performance sta migliorando velocemente a seguito alle azioni intraprese dopo le richieste per i sinistri catastrofali. L’insurance profit margin nel 2012 punta ad essere migliore del 12%.