Marsh offre copertura per i costi legati ai controlli anti-corruzione

Marsh ha sviluppato una polizza assicurativa che copre i costi legati alle spese per i controlli anti-corruzione disciplinati dal Foreign Corrupt Practices Act (FCPA).

FCPA Response è stata messa appunto dalla divisione specializzata nell’RC professionale e finanziaria e copre i costi legati ad eventuali indagini sia a livello individuale che aziendale, ha fatto sapere il broker in un comunicato.

La copertura viene garantita nel momento in cui dovesse essere avviata una procedura di indagine da parte delle autorità competenti secondo la disciplina del FCPA e di normative estere, come il britannico Bribery Act. La polizza è offerta a società che conducono attività a livello internazionale, indipendentemente dalle dimensioni.

“Rispondere alle inchieste avviate ai sensi del FCPA e di altre norme anti-corruzione può richiedere tempo e denaro, fra cui spese legali, contabili, di revisione e consulenza”, ha detto Jack Flug, direttore della divisione FINPRO di Marsh. “Strategie di mitigazione delle perdite, una forte aderenza ai requisiti regolamentari e controlli di due diligence non sempre sono sufficienti ad evitare i costi legati ad un’indagine anti-corruzione”. 

Se molte coperture D&O coprono direttori e amministratori nelle fasi di investigazione, queste possono non offrire garanzie all’azienda, ha aggiunto Marsh. Non è stata resa nota la compagnia che offre questo tipo di copertura.