Swiss Re: l’inflazione porterà il gap di protezione assicurativa a un nuovo massimo nel 2022

Secondo Swiss Re, il gap globale di protezione assicurativa, ovvero il divario tra le perdite economiche e quelle assicurate, è aumentato ancora nel 2021, raggiungendo un nuovo massimo storico di 1,42 trilioni di dollari.

La tendenza dovrebbe continuare nel 2022 e Swiss Re avverte che l’attuale contesto inflazionistico dovrebbe aumentare ulteriormente il divario quest’anno.

Swiss Re misura la resilienza assicurativa attraverso il suo indice sigma Resilience Index e ha spiegato oggi che, sebbene la resilienza assicurativa sia migliorata nel 2021, grazie alla forte crescita dei premi assicurativi sostenuta da una maggiore consapevolezza dei rischi da parte dei clienti e dalla spesa sanitaria dei governi legata alle pandemie, non è ancora tornata ai livelli pre-COVID o della crisi finanziaria globale.

Di conseguenza, “il gap di protezione assicurativa a livello mondiale per i rischi di salute, mortalità e catastrofi naturali insieme ha raggiunto un nuovo massimo di 1,42 trilioni di dollari nel 2021 e si prevede che l’attuale contesto inflazionistico amplierà ulteriormente il gap quest’anno“, ha spiegato Swiss Re. “Nonostante la forte previsione di crescita dei premi assicurativi, nel 2022 la resilienza assicurativa dovrebbe indebolirsi a causa del ridimensionamento delle prestazioni governative e del calo del valore degli asset“.

“L’attuale shock inflazionistico e la crisi del costo della vita colpiscono in modo sproporzionato le famiglie a più basso reddito e quest’anno non faranno che aumentare i divari di protezione. Per garantire una maggiore resilienza e sostenere la stabilità economica a lungo termine, è necessario rafforzare parametri strutturali come le infrastrutture e il capitale umano e ridurre le disuguaglianze. In questo contesto difficile, il settore assicurativo svolge un ruolo importante nello spostare i rischi finanziari dai singoli individui e, in ultima analisi, nell’aumentare la loro resilienza, spiega Jerome Haegeli, Group Chief Economist di Swiss Re.

Nel 2021, Swiss Re riferisce che la resilienza della mortalità globale è scesa al 45,7%, guidata da cali nell’Asia emergente, nell’Europa emergente e nel Nord America. Allo stesso tempo, la resilienza alle catastrofi naturali rimane bassa, con il 75% delle esposizioni globali non protette nel 2021. Secondo Swiss Re, l’attuale contesto inflazionistico mondiale è destinato ad aggravare il divario di protezione assicurativa globale.

La compagnia di riassicurazione stima che gli aumenti dei prezzi nel 2022 potrebbero far aumentare il gap di protezione assicurativa globale di 55 miliardi di dollari, pari a circa il 3,8% del gap totale.

Il divario di protezione dalle catastrofi naturali è aumentato costantemente negli ultimi anni, passando da 169 miliardi di dollari nel 2019 a 216 miliardi di dollari nel 2020 e 251 miliardi di dollari nel 2021.

Tuttavia, il quadro non è uniforme in tutto il mondo: il gap di protezione assicurativa contro le catastrofi naturali cresce più lentamente in alcune regioni rispetto ad altre, grazie all’aumento della penetrazione assicurativa.

Un esempio è l’Asia, dove la maggiore penetrazione dell’assicurazione property in Cina ha migliorato la resilienza alle catastrofi naturali nella regione emergente dell’Asia-Pacifico.

Al contrario, la resilienza alle catastrofi naturali sta diminuendo dove è più alta, in Nord America, America Latina ed EMEA, mentre i loro gap di protezione assicurativa contro le catastrofi naturali si stanno ampliando più rapidamente rispetto all’Asia Pacifica avanzata.

Si prevede che l’aumento dell’inflazione peggiorerà i divari di protezione e ciò potrebbe manifestarsi anche nell’inflazione dei sinistri catastrofali, oltre che nell’aumento dei costi e dei prezzi assicurativi.

Nel complesso, sembra che il mondo non stia realmente migliorando la propria resilienza, tranne nelle regioni in cui lo sviluppo sta accelerando e la diffusione di prodotti finanziari come le assicurazioni è in aumento.

Nelle economie avanzate degli Stati Uniti e dell’Europa, ad esempio, vediamo che la resilienza è in calo o stagnante, mentre i divari di protezione assicurativa si stanno ampliando, il che suggerisce la necessità di soluzioni assicurative e riassicurative più efficienti dal punto di vista dei costi, nonché di prodotti alternativi che possano aumentare la resilienza e ridurre i divari di protezione (i trigger parametrici sono un esempio che può essere d’aiuto sul fronte delle catastrofi naturali).

Con circa il 75% delle esposizioni alle catastrofi naturali in tutto il mondo non protette da assicurazioni e riassicurazioni, si sottolinea la necessità di un capitale di rischio efficiente, di un trasferimento del rischio e di una sindacazione del rischio, per diffondere il rischio e attingere ai mercati dei capitali e ampliare la copertura dei rischi catastrofali globali, un’area chiave in cui il mercato dei titoli legati alle assicurazioni (ILS) può essere di aiuto.