Parte l’ipo dell’insurtech Yolo: in borsa ad agosto

PREZZO TRA 3,77 E 4,10 EURO PER UNA VALORIZZAZIONE DI 23-25 MILIONI. OBIETTIVO: CRESCERE IN ITALIA, SPAGNA E REGNO UNITO
di Anna Messia
L’insurtech Yolo ha presentato a Borsa Italiana la comunicazione di pre-ammissione alle negoziazioni su Euronext Growth Milan, segmento dedicato alle piccole e medie imprese. Come anticipato da milanofinanza.it la società co-fondata da Gianluca De Cobelli e da Simone Ranucci Brandimarte era alle battute finali per preparare l’ipo e ieri sera è stata fissata la forchetta di prezzo, che sarà compresa tra un minimo di 3,77 euro e un massimo di 4,10 euro per azione. Numeri che collocano il valore della società tra i 23 e i 25 milioni mentre l’obiettivo dell’offerta, tutta in aumento di capitale, secondo quanto risulta a MF-Milano Finanza sarebbe di raccogliere una cifra compresa tra i 10 e i 15 milioni. Nell’azionariato della società ci sono già nomi importanti, da Intesa Sanpaolo Vita a Generali Italia, oltre a Crif e Be Shaping the Future. Investitori che si sono aggiunti ad altri soci della prima ora, come Neva sgr, Primo Venture sgr e Net Insurance, arrivando a un capitale complessivo di oltre 12 milioni di euro. Azionisti interessati tutti a restare nell’azionariato della società e l’offerta avverrà quindi tutta in aumento di capitale.

Il periodo di bookbuilding è fissato dal 19 luglio al 1° agosto e l’inizio delle negoziazioni è atteso nella prima settimana di agosto. Il settore assicurativo sta attraversando una fase di profonda trasformazione e siamo convinti che Yolo, in qualità di player insurtech, possa giocare un ruolo di primo piano come acceleratore e abilitatore di tale cambiamento», ha commentato De Cobelli. Per spingere sul pedale della crescita, come per altre insurtech internazionali, c’è bisogno di nuovo capitale e, come già anticipato da MF-Milano Finanza, Yolo aveva deciso da qualche mese di guardare alla borsa. «Prosegue così il percorso di sviluppo della società che, in poco più di quattro anni di operatività, l’ha portata ad affermarsi nel mercato italiano dell’insurtech. I proventi derivanti dall’aumento di capitale e dall’emissione obbligazionaria saranno destinati a potenziare la piattaforma tecnologica e l’offerta digitale, attivare nuove partnership, rafforzare la struttura organizzativa e il posizionamento internazionale di Yolo», aggiungono dalla società. Si guarda quindi al consolidamento in Italia e allo sviluppo estero, interessati in particolare a Spagna e Regno Unito.

Nel processo di quotazione Yolo è assistita da EnVent Capital Markets Ltd (joint global coordinator, joint bookrunner ed Euronext growth advisor), Bper Banca Corporate & Investment Banking (joint global coordinator e joint bookrunner), Advant Nctm (legal advisor di Yolo), Deloitte & Touche (società di revisione) e studio legale Associato Shearman & Sterling, legal advisor dei joint global coordinators e joint bookrunners. (riproduzione riservata)
Fonte: logo_mf