Munich Re: nel I semestre le catastrofi naturali hanno causato perdite complessive per 65 mld $, di cui poco più della metà assicurate

Il primo semestre del 2022 ha visto una riduzione dei sinistri da catastrofi naturali rispetto al periodo di confronto del 2021.

Catastrofi naturali tra cui inondazioni, terremoti e tempeste hanno causato perdite complessive per circa 65 miliardi di dollari rispetto ai 105 miliardi di dollari dell’anno precedente, caratterizzato da forti perdite. Le perdite assicurate, pari a circa 34 miliardi di dollari, sono state all’incirca in linea con gli anni precedenti.

A tirare le somme di questi primi sei mesi è Munich Re. Torsten Jeworrek, Membro del Consiglio di amministrazione, ha commentato: “Il quadro delle catastrofi naturali per la prima metà del 2022 è dominato dalle catastrofi legate al meteo. Negli Stati Uniti i tornado più violenti hanno causato danni per miliardi, alcune zone della costa orientale dell’Australia sono state sommerse dalle inondazioni e l’Europa meridionale ha dovuto fare i conti con caldo estremo, incendi e siccità. Il rapporto dell’IPCC, pubblicato di recente, ha messo in guardia sulla necessità per gli assicuratori di adattare i loro modelli di perdita per valutare adeguatamente il rischio in evoluzione. La prevenzione dei sinistri è una componente fondamentale per mitigare gli effetti economici del cambiamento climatico. È quindi estremamente preoccupante che la penetrazione assicurativa nei Paesi in via di sviluppo e in quelli emergenti ristagni ben al di sotto del 10%, e che anche nei Paesi industriali vi sia un ampio margine di miglioramento.”

Le inondazioni in Australia hanno rappresentato la catastrofe più costosa in termini di danni assicurati.

Durante la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, l’Australia orientale è stata colpita da piogge estreme e inondazioni che hanno causato danni per 6,6 miliardi di dollari. Alcune zone del Queensland e del Nuovo Galles del Sud hanno registrato precipitazioni e inondazioni record: l’ultima settimana di febbraio è stata la più piovosa dal 1900 e alcune aree hanno registrato i picchi di inondazione più alti dal 1893. Il costo provvisorio stimato per il settore assicurativo è attualmente di 3,7 miliardi di dollari.

Anche altri Paesi della regione Asia-Pacifico sono stati colpiti da gravi disastri.
In Giappone, un potente terremoto di magnitudo 7,3 ha colpito a est dell’isola principale di Honshu. L’epicentro non era lontano dal luogo in cui il potente terremoto di Tohoku aveva scatenato uno tsunami e il disastro nucleare di Fukushima undici anni fa. Nonostante la magnitudo molto più bassa del terremoto del marzo 2022, le perdite complessive sono state di 8,8 miliardi di dollari, con danni assicurati per 2,8 miliardi di dollari.

In totale, la regione Asia-Pacifico è stata responsabile di 22 miliardi di dollari di perdite complessive dovute a catastrofi naturali nella prima metà dell’anno, un valore più alto del solito. Le perdite assicurate sono state di 8 miliardi di dollari.

Gli Stati Uniti dominano le cifre delle perdite da catastrofi naturali

Con una cifra di circa 28 miliardi di dollari, gli Stati Uniti hanno rappresentato quasi la metà delle perdite complessive nei primi sei mesi del 2022 e quasi i due terzi delle perdite assicurate, con una cifra di 19 miliardi di dollari. Una serie di forti temporali con tornado è stata la causa principale di queste perdite. Un singolo fronte temporalesco che ha prodotto tornado all’inizio di aprile ha distrutto beni per un valore di oltre 3 miliardi di dollari, tre quarti dei quali erano assicurati: un perfetto esempio di come l’alta densità assicurativa possa aiutare ad assorbire gli shock economici dei disastri naturali. Nella prima metà dell’anno, i forti temporali negli Stati Uniti hanno causato perdite per un totale di 22 miliardi di dollari, con danni assicurati per 17 miliardi di dollari.

La stagione delle tempeste tropicali di quest’anno dovrebbe portare un’attività temporalesca superiore alla media nell’Atlantico settentrionale, grazie al fenomeno climatico naturale El Niño-Southern Oscillation (ENSO) nel Pacifico. Attualmente nel Pacifico prevalgono condizioni di La Niña, che favoriscono la formazione di uragani nell’Atlantico settentrionale. I principali istituti di ricerca ritengono che le attuali deboli condizioni di La Niña potrebbero accentuarsi ulteriormente durante la fase principale della stagione degli uragani a settembre. Munich Re prevede 18 (±3) tempeste tropicali nominate, 8 (±2) uragani e 4 (±2) uragani gravi. I modelli di previsione degli istituti di ricerca esterni prevedono un’attività di tempesta verso l’estremità superiore della scala. Alla fine di giugno si sono formati tre cicloni tropicali nell’Atlantico settentrionale, nessuno dei quali ha raggiunto la forza di un uragano.

La più grande tragedia umanitaria è stata causata da un potente terremoto in Afghanistan. Circa 1.200 persone sono morte quando il sisma, di magnitudo 5,9, ha devastato la parte orientale del Paese. A livello globale, nella prima metà del 2022 circa 4.300 persone hanno perso la vita a causa di disastri naturali, purtroppo più che negli anni precedenti.

Calore, incendi e siccità in alcune parti d’Europa, ma anche tempeste invernali

In Europa, il caldo estremo e le condizioni di aridità dell’inizio dell’estate hanno portato alla scarsità d’acqua e agli incendi, soprattutto in Italia, Spagna e Portogallo. Spesso è difficile quantificare con esattezza le perdite dovute al caldo e alla siccità, poiché i loro effetti, come le perdite di produzione nell’industria dovute alla mancanza di acqua di raffreddamento, tardano a manifestarsi.

Presumibilmente in parte a causa di un forte aumento della temperatura nei mesi di maggio e giugno, si è verificato un massiccio crollo del ghiacciaio sulla Marmolada, la montagna più alta delle Dolomiti (Italia).

L’attuale ondata di caldo (luglio 2022) è dovuta a un’insolita combinazione di alta pressione sull’Europa centrale e di un’area di bassa pressione vicino all’Europa occidentale. Ciò consente all’aria calda proveniente dal Sahara e dal Nord Africa di penetrare a latitudini più elevate. In molte parti d’Europa, i cambiamenti climatici causati dall’uomo hanno già portato a un aumento delle temperature medie annuali di oltre 1,5°C rispetto a quando sono iniziate le registrazioni meteorologiche sistematiche verso la fine del XIX secolo, superando il riscaldamento globale medio di 1,2°C.

Le tempeste invernali, in particolare a febbraio, hanno attraversato l’Europa settentrionale e nordoccidentale portando in alcuni punti venti di forza pari a quella di un uragano. L’Irlanda, l’Inghilterra, alcune parti del Belgio, i Paesi Bassi, la Germania settentrionale e la costa del Baltico sono stati colpiti in modo particolare. Il risultato: perdite complessive per 5,2 miliardi di dollari.

Ernst Rauch riassume così le catastrofi meteorologiche di quest’anno: “Possono essere tutti eventi singoli con cause diverse, ma nel complesso una cosa sta diventando estremamente chiara: la potente influenza del cambiamento climatico sta diventando sempre più evidente! E le conseguenze per le persone in tutto il mondo stanno diventando sempre più palpabili. L’IPCC ha fatto una diagnosi ancora più chiara, affermando che le catastrofi meteorologiche, come le ondate di calore, le piogge torrenziali o la siccità, in una Terra più calda aumenteranno sia in frequenza che in intensità. Le ondate di calore tenderanno a durare più a lungo e a portare temperature più estreme. Ciò varierà da regione a regione – in Europa sarà il sud a essere colpito più duramente”.

catastrofi naturali