La polizza formale estera chiama il quadro Rw

di Ivano Tarquini e Riccardo Trovato
La formale polizza assicurativa che attribuisce il rischio dell’investimento all’assicurato è uno strumento finanziario che, se detenuto all’estero, vuole la compilazione del quadro Rw. Ed è il principio civilistico applicato alla questione tributaria risolta dalla C.t.r. Lombardia con la sentenza n.2726 del 17/11/2021 della sez. n.19 depositata in data 29/06/2022. Il caso è quello di un contribuente che deteneva una polizza assicurativa cui assicuratore era di diritto estero, ma questa era solo formalmente assicurativa. Secondo le Entrate tale polizza presentava un alto contenuto finanziario e di rischio tanto che veniva rubricata dall’Ufficio come detenzione di risorse finanziarie all’estero.
CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati

Fonte: