Indagine Bankitalia: PMI italiane sottoassicurate

Utilizzando i dati rilevati in una sezione monografica dell’indagine sulle imprese industriali e dei servizi (INVIND) condotta dalla Banca d’Italia, è stato esaminato il grado di copertura delle PMI contro i principali rischi, con particolare riferimento alle polizze assicurative contro danni diverse da quelle obbligatorie per legge, tra cui furto e incendio, trasporto merci, credito e cauzioni, rischio cyber, responsabilità verso terzi e dipendenti, rischi naturali e climatici.

Lo ha reso noto il presidente Ivass, Luigi Federico Signorini in occasione della relazione annuale dell’Istituto.

Le coperture assicurative più diffuse sono relative ai danni per incendio e furto (94% del campione) e per r.c. verso terzi e dipendenti (93%).

Nonostante l’Italia presenti un rischio ambientale elevato, solamente il 68% delle imprese ha stipulato una polizza contro i rischi naturali e climatici. Il fenomeno della sottoassicurazione risulta particolarmente intenso per le coperture sui rischi cyber (21%).

PMI

Gradi di protezione assicurativa per tipologia di impresa

Distinguendo per tipologia d’impresa industriale o di servizi, non si osservano
differenze rilevanti per i rischi furto e incendio, r.c. verso terzi e cyber. Le imprese industriali tendono a ricorrere maggiormente, per l’attività svolta, a coperture per rischi naturali e climatici, trasporto merci, credito e cauzioni.

Il fattore dimensionale incide sulla propensione a stipulare una copertura assicurativa: le
imprese industriali di maggiore dimensione, con oltre 200 addetti, tendono più frequentemente a sottoscrivere polizze, con un differenziale significativo rispetto alle imprese con meno di 50 addetti per i rischi cyber (39% contro 18%), credito e cauzione (55% contro 34%) e per quelli naturali e climatici (89% contro 73%).

In termini di spesa, i costi sostenuti dalle PMI che si assicurano per almeno un rischio sono
pari allo 0,55% del fatturato complessivo. L’incidenza è in media inferiore per le imprese con più di 200 addetti e risulta maggiore per le imprese che operano nei servizi.

Il 14% delle PMI sceglie di non assicurarsi

Più del 14% delle PMI nel campione sceglie di non assicurarsi anche quando uno
specifico rischio è considerato rilevante per l’attività imprenditoriale.

Le principali motivazioni della mancata assicurazione sono per il 56% la percezione di premi elevati rispetto al danno atteso e per il 38% l’assenza di informazioni sui prodotti assicurativi.

Il 4% non ha fiducia nelle compagnie di assicurazioni e solo il 2% segnala di non essere in grado di sostenere il costo del premio.

[/membership-mensile]

© Riproduzione riservata