Gli assicuratori vogliono garanzie di sicurezza prima di coprire le navi che navigano nel corridoio del grano ucraino

Gli assicuratori saranno disposti a coprire le navi che attraversano il corridoio proposto per far uscire il grano ucraino solo se ci saranno accordi per la scorta navale internazionale e una strategia chiara per affrontare le mine marine, dicono i sottoscrittori e i broker.

Gli assicuratori marittimi con sede ai Lloyd’s di Londra e il più ampio mercato assicurativo commerciale londinese attendono maggiori garanzie, viste le potenziali perdite legate a ogni nave. La rimozione delle mine nel Mar Nero è necessaria prima che il grano ucraino possa essere spedito, dicono gli assicuratori.

L’assicurazione delle navi sarebbe possibile “se venisse offerta una soluzione ragionevole”, ha dichiarato a Insurance Journal Rory Colacicchi, partner del broker assicurativo McGill and Partners.

Una scorta accettabile potrebbe essere fornita da navi congiunte ucraine e russe, oppure dalle Nazioni Unite o da una potenza neutrale come la Turchia, hanno detto le fonti assicurative. Un aiuto allo sminamento potrebbe essere l’uso della tecnologia satellitare per identificare la posizione delle mine, ha detto un assicuratore di guerra marittima che ha rifiutato di essere nominato a causa della delicatezza della questione.

Paesi come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna o la Francia potrebbero disporre di questa tecnologia, ha aggiunto l’assicuratore.

Il problema iniziale è che ci sono più di 80 navi bloccate in Ucraina – molte con carichi a bordo, tra cui grano – che devono uscire prima che nuove navi possano entrare.

I premi aggiuntivi richiesti per entrare nell’area del Mar Nero sono diminuiti, riflettendo una maggiore fiducia nell’offerta assicurativa da febbraio, hanno dichiarato fonti del settore.

I premi aggiuntivi pagati per entrare nelle acque del Mar Nero sono scesi al 2% del valore della nave rispetto al 5% di poco dopo l’invasione, ha dichiarato Marcus Baker, responsabile globale del settore marittimo del broker Marsh.