Germania, meno frodi assicurative denunciate, ma più creative

Dopo la pandemia, le frodi assicurative denunciate sono diminuite. O forse i truffatori sono diventati semplicemente più intelligenti. Lo smart working li ha aiutati

Si diffonde un incendio nel bosco. Poco distante, anche una casa va in fiamme. Il proprietario vuole richiedere il risarcimento dei danni al suo assicuratore. Ma il proprietario in realtà non è vittima della calamità naturale, ma un truffatore che pensa bene di sfruttare l’occasione per frodare il suo assicuratore, appiccando lui stesso il fuoco alla casa. Il tentativo è stato scoperto perché un drone ha filmato l’uomo mentre lo faceva.

Andrew Enochs della Friss, società olandese specializzata nell’individuazione di frodi, riferisce sul caso. Anche l’Associazione Assicurativa Tedesca (GDV) ha avvertito nell’agosto 2020: “Gli assicuratori tedeschi temono che le conseguenze economiche della pandemia porteranno ad un aumento dei tentativi di frode”.

L’incidenza delle frodi è diminuita durante la pandemia

Friss – secondo quanto riporta la Suddeutsche Zeitung – ha analizzato i dati degli ultimi due anni per scoprire come la situazione di incertezza che si è venuta a creare dopo la pandemia abbia realmente influito sui tentativi di frode assicurativa: contrariamente alle aspettative, l’incidenza delle frodi è diminuita durante la pandemia.

Con l’allentamento delle misure da parte dei governi di tutto il mondo, il numero di sinistri denunciati è aumentato di nuovo. Tuttavia, il numero di casi di frode e di casi sospetti ha continuato a diminuire, anche a un livello inferiore rispetto a prima della pandemia. Nel 2020, il 18% delle richieste di risarcimento era sospetto di frode, nel 2022 solo il 16%.

La verifica è più difficile con lo smart working

Eppure Friss ha una definizione molto ampia di frode. Chi stima un valore falso per gli oggetti rubati dopo un furto, magari perché non aveva effettivamente a disposizione la cifra, è già un truffatore assicurativo. Da anni il GDV ipotizza un tasso di frode del 10% per la Germania.

Friss vede due possibili ragioni per l’evoluzione verso un minor numero di casi di frode: o da allora gli inganni sono diminuiti, oppure i truffatori lavorano con maggiore abilità. L’azienda propende per la seconda ipotesi, ovvero che gli assicuratori siano caduti più spesso nelle mani dei truffatori. Ciò è probabilmente legato al fatto che le aziende hanno cambiato il loro modo di lavorare. Le unità investigative sono state spesso trasferite in un ambiente virtuale e gli specialisti hanno lavorato da casa.

Il Ministero dell’Interno non aiuta nelle indagini sulle frodi, perché lo stretto scambio personale di esperti è la prima linea di difesa contro i truffatori in molte aziende. In pratica, i casi sospetti possono essere gestiti in modo più rapido ed economico, ma le squadre possono indagare sui casi in modo meno efficace, ritengono gli esperti di Friss. Ciò che è certo, dicono, è che per più di due anni il numero di frodi scoperte è stato relativamente basso. Il passaggio al mondo virtuale è stato uno dei maggiori cambiamenti nella lotta contro le frodi negli ultimi anni.

Allo stesso tempo, i truffatori continuano a sviluppare i loro metodi. Ciò è avvenuto anche all’inizio della pandemia. In quel periodo, ad esempio, un cliente ha cercato di ottenere dall’assicuratore la pulizia degli interni dell’auto. Il motivo: l’auto è stata contaminata dal virus.

Secondo Friss, sono tre i fattori che portano una persona a diventare un truffatore. Una di queste è l’opportunità. “I truffatori scelgono sempre la strada che offre le migliori opportunità e il minor rischio”, si legge nello studio. Altri fattori sono la sensazione di essere nel giusto e la pressione a cui si è sottoposti. Per molti, la frode assicurativa non è moralmente riprovevole, o quasi.
I tipi di frode più comuni riguardano i danni ai telefoni cellulari, i danni da scasso fittizi o esagerati e la falsa dichiarazione di un fatto che ha portato al danno. Alcuni richiedenti, inoltre, amano esagerare i valori degli oggetti assicurati e nascondere i danni precedenti.

A volte anche l’impiegato dell’assicurazione contribuisce alla frode

Ci sono anche insoliti tentativi di frode. Un classico è la finta morte, soprattutto nelle assicurazioni vita. Friss riferisce di un macabro caso di stalking in cui un uomo ha stipulato una polizza di assicurazione funeraria per la sua ex moglie. E ancora e ancora: i broker assicurativi ingannano se stessi o aiutano i clienti a ingannare perché sperano di ottenere migliori opportunità di vendita per ulteriori contratti.

Friss riporta diversi casi di persone che si sono deliberatamente ferite, “ad esempio tagliandosi un dito”, per poter avanzare richieste di risarcimento nei confronti degli assicuratori.

L’energia criminale è enorme: recentemente un tribunale statunitense ha condannato un uomo di 34 anni a cinque anni di carcere per furto d’identità e frode assicurativa. L’uomo ha truffato quasi mezzo milione di dollari richiedendo, sotto falso nome e in tre Stati diversi, i fondi per l’assicurazione contro la disoccupazione e i sussidi supplementari di un programma di assistenza Covid. Ha fatto versare il denaro su carte prepagate ed è volato in California per ritirare il bottino in contanti entro una settimana. Le autorità, compresi i servizi segreti, hanno indagato per due anni fino a quando non sono riusciti a consegnare l’uomo.

Durante la pandemia, i truffatori hanno avuto la possibilità di sperimentare nuove strategie sui canali digitali. I ricercatori dell’Università di Portsmouth hanno scoperto che, nel contesto della pandemia, il numero di truffe informatiche è aumentato del 400%. Questo suggerisce che i truffatori potrebbero essersi riorientati ed essere diventati più intelligenti nel loro approccio, concludono gli analisti di Friss.

frodi