Default banche, responsabilità ko

TRIBUNALE DI PATTI SUL CASO LEHMAN BROTHERS
Il Tribunale di Patti ha rigettato la domanda di risarcimento danni avanzata da un cliente di un importante istituto di credito per la presunta violazione di obblighi informativi e conseguente vizio del consenso relativamente ad obbligazioni emesse dalla Lehman Brothers Treasury CO, poi travolta dal default del settembre 2008.

Secondo il tribunale (sentenza n. 224 pubblicata il 31 marzo 2022), “Stante l’adempimento degli obblighi informativi, la non prevedibilità del default della Lehman Brothers al momento della stipula del contratto (luglio 2007) e lo specifico profilo di rischio della Cliente, non v’è spazio per l’accoglimento della domanda di risarcimento degli interessi contrattuali attivi non percepiti – non imputabile alla Banca convenuta – né per la mancata percezione degli utili netti”.
CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati

Fonte: