AON: perdite assicurate globali da catastrofi superiori alla media, con 39 mld $ nel 1° semestre

I dati del broker assicurativo e riassicurativo Aon rilevano che a livello globale le perdite assicurate da eventi catastrofici naturali sono state pari a 39 miliardi di dollari nella prima metà del 2022, ovvero circa il 18% in più rispetto alla media del 21° secolo.

In contrasto con il volume superiore alla media delle perdite da catastrofi registrate nel semestre, le perdite economiche globali da catastrofi naturali sono preliminarmente diminuite del 24% rispetto alla media del 21° secolo di 121 miliardi di dollari, attestandosi a 92 miliardi di dollari.

È quanto emerge dal First Half of 2022 Global Catastrophe Recap di Aon, che esamina un periodo caratterizzato da catastrofi su larga scala in quasi tutti i continenti, che hanno portato a perdite superiori alla media per il settore riassicurativo.

“Il primo semestre ha visto anche l’aggiunta di nuove complessità al processo di risposta agli eventi (tra cui l’aumento dei costi di rimpiazzo e dei collocamenti riassicurativi), influenzate da difficili fattori sociali e finanziari esterni, in particolare la guerra in Ucraina e l’inflazione più alta degli ultimi decenni”, afferma Aon.

In termini di danni assicurati, secondo Aon, la persistente attività di tempeste convettive gravi (SCS), in particolare negli Stati Uniti e in Europa, è stata un fattore chiave nel primo semestre del 2022.

Complessivamente, il broker ha registrato almeno nove eventi assicurati da un miliardo di dollari nei primi sei mesi del 2022, tutti legati alle condizioni atmosferiche tranne uno. Inoltre, sono stati registrati almeno 20 eventi con almeno 500 milioni di dollari di perdite assicurate, il che, secondo Aon, pone il primo semestre del 2022, insieme al 2011, al secondo posto tra i primi sei mesi del secolo, dopo i 24 del primo semestre del 2020.

Guardando alle perdite economiche, che con 92 miliardi di dollari mostrano un gap di protezione di circa il 57% – il che significa che più della metà di tutte le perdite economiche subite a causa di eventi catastrofici non sono state coperte da assicurazione nel 1° semestre 2022 – Aon rileva 21 singoli eventi di perdita economica da un miliardo di dollari. Anche in questo caso, tutti gli eventi, tranne uno, sono stati legati alle condizioni atmosferiche, con l’eccezione del terremoto del 16 marzo vicino alle coste del Giappone.

I nove eventi da un miliardo di dollari registrati negli Stati Uniti nel periodo in esame ne fanno la regione più attiva, seguita da sette nell’area EMEA, tre nell’area APAC e due nelle Americhe.

Commentando i dati relativi alle perdite del primo semestre 2022, Aon avverte che: “Si prevede un robusto sviluppo dei sinistri nella maggior parte delle regioni, man mano che i costi associati alle inondazioni monsoniche stagionali, alla siccità e alle tempeste convettive gravi saranno pienamente realizzati”.

Nel suo ampio rapporto, il broker assicurativo e riassicurativo spiega che “le impronte del cambiamento climatico hanno continuato a diventare più evidenti nel comportamento dei singoli eventi e nelle tendenze a lungo termine delle temperature e delle precipitazioni nel primo semestre del 2022. Le temperature più calde della media sono state citate in un’ampia fascia del globo e hanno favorito modelli meteorologici più insoliti, già messi in moto dall’influenza primaria delle condizioni de La Niña, in corso da quasi tre anni consecutivi”.

Guardando alla seconda metà dell’anno, Aon sottolinea che il terzo trimestre è spesso il più costoso dell’anno e che, poiché i meteorologi prevedono un livello di attività superiore alla media durante la stagione degli uragani nell’Atlantico, anche il quarto trimestre potrebbe essere costoso per il settore.

“L’elevata attività degli incendi e la continua minaccia di gravi tempeste convettive richiederanno un attento monitoraggio. Con la pressione inflazionistica che aggiunge maggiori costi all’offerta e alla manodopera, combinata con catastrofi di maggiore impatto, si prevede un’altra serie di rinnovi assicurativi impegnativi”, afferma Aon.