Swiss Re: gli obiettivi climatici di Parigi non sono possibili senza una gigantesca opera di rimozione del carbonio

Raggiungere gli obiettivi climatici di Parigi non sarà possibile senza un’opera di rimozione del carbonio delle dimensioni del petrolio e del gas: lo rileva un nuovo report di Swiss Re.

Il big elvetico della riassicurazione ha detto che la riduzione delle emissioni di CO2 dovrebbe essere una priorità, seguita dalla rimozione di qualsiasi altra emissione inevitabile dall’atmosfera e immagazzinata in modo permanente.

Il rapporto nota che i livelli di emissioni globali dovranno essere dimezzati entro il 2030, raggiungere lo zero netto entro il 2050 e rimanere negativo per tutta la seconda metà del secolo.

Swiss Re sostiene che questo richiederà fino a 10-20 miliardi di tonnellate di emissioni negative all’anno nel e dopo il 2050, questo porterà a un aumento della capacità di rimozione del carbonio del 60% ogni anno nei prossimi tre decenni, un tasso di crescita senza precedenti per una nuova industria.

carbonio

Le soluzioni possibili

Le soluzioni tecnologiche di rimozione del carbonio possono usare strumenti ingegneristici per filtrare la CO2 dall’aria e immagazzinarla in modo permanente in strati di roccia in profondità nel sottosuolo o in prodotti a lunga durata come il cemento.

Anche se i costi saranno più alti delle soluzioni basate sulla natura, come le foreste, le zone umide, gli oceani e il suolo, i limiti delle risorse e il rischio di inversione sono inferiori.

La principale barriera alla diffusione della rimozione del carbonio è la fattibilità economica. In assenza di un prezzo del carbonio sufficientemente alto, o di altre politiche sulle emissioni come i mandati, c’è poco incentivo per la società a tagliare, figuriamoci a raccogliere e immagazzinare le emissioni.

Il settore privato può migliorare la redditività economica de-rischiando, finanziando e acquistando nuovi servizi di rimozione del carbonio.

Cosa può fare il settore assicurativo

Il settore assicurativo è – secondo Swiss Re – in una posizione unica per sostenere tutti e tre i fronti, fornendo la gestione del rischio, le soluzioni di trasferimento del rischio e la capacità assicurativa. Può anche fornire capitale come investitore istituzionale a lungo termine e stimolare il mercato come primo acquirente di servizi di rimozione del carbonio.

Molti elementi della catena del valore della rimozione del carbonio sono familiari ai riassicuratori. I rami Property & Casualty esistenti possono già coprire una serie di rischi durante la fase operativa dei progetti di rimozione del carbonio.

Le sfide ancora aperte

Ciò che rimane una sfida sono le potenziali esposizioni di responsabilità a lungo termine derivanti dal rischio di inversione dello stoccaggio.

Christoph Nabholz, Chief Research Officer di Swiss Re Institute ha commentato: “La rimozione del carbonio dovrà evolvere in un’industria multimiliardaria, simile al valore dell’industria del petrolio e del gas oggi, se vogliamo raggiungere gli obiettivi climatici fissati dall’Accordo di Parigi del 2015. Un investimento serio in questa industria nascente deve iniziare ora. Non affrontare il cambiamento climatico potrebbe comportare una perdita del PIL globale del 18%, come abbiamo dimostrato all’inizio di quest’anno. Nessuna azione non è un’opzione“.

Mischa Repmann, Senior Environmental Management Specialist di Swiss Re ha aggiunto: “Dobbiamo tutti fare del nostro meglio ed eliminare il resto. In altre parole: ridurre, ridurre, ridurre e, in parallelo, bilanciare le emissioni inevitabili attraverso la rimozione del carbonio. Quando si tratta di rimozione, usiamo soluzioni basate sulla natura ovunque sia possibile in modo sostenibile per ottenere la loro ricchezza di co-benefici per l’ambiente naturale e umano. Allo stesso tempo, dobbiamo investire nelle soluzioni tecnologiche più scalabili e durevoli come la cattura diretta dell’aria per limitare il riscaldamento globale nel lungo periodo.