I semestre in crescita per Scor

SCOR ha continuato ad espandere rapidamente il suo portafoglio P&C in condizioni di prezzi migliori nel secondo trimestre e nella stagione dei rinnovi di metà anno.

Il riassicuratore francese Scor ha riportato il 9,1% di crescita dei premi lordi in tutta la sua attività, nonché un utile netto di 380 milioni di euro per il primo semestre del 2021. Tuttavia ha anche registrato altri 109 milioni di euro di perdite legate al COVID, in gran parte derivanti da sinistri di interruzione dell’attività.

Ciò è dovuto a “un aumento dei costi lordi diretti sostenuti dalle cedenti con decisioni giudiziarie avverse in Francia e nel Regno Unito, e alle cedenti che hanno presentato richieste di risarcimento per due eventi separati corrispondenti ai blocchi di marzo e ottobre 2020”.

Questo dimostra che le richieste di risarcimento per interruzione dell’attività legate alla pandemia a partire dal 2020 stanno ancora fluendo e potrebbero sollevare i cedenti anche sul mercato ILS, suggerendo che coloro che forniscono riassicurazione e retrocessione non sono ancora fuori dai guai, quando si tratta di perdite legate al COVID.

335 milioni di euro dell’utile netto sono stati realizzati durante il Q2, che è stato un periodo molto più favorevole per la compagnia di riassicurazione.

Nell’unità SCOR Global P&C, i premi lordi contabilizzati sono aumentati del 14,3% a tassi di cambio costanti su base annua per il primo semestre.

Il combined ratio P&C si è attestato al 97,4% per il semestre, con il 9,4% di perdite da catastrofi dovute in gran parte all’evento meteorologico invernale negli USA nel 1° trimestre, che è stato un periodo superiore al budget (7%) per SCOR, e alle gravi tempeste europee di giugno, mentre il 2° trimestre è stato meno impattante sul fronte delle catastrofi, con un carico di catastrofi sceso al 6,1%.

Scor

Denis Kessler, Presidente non esecutivo di SCOR, ha così commentato i risultati: “L’accordo raggiunto con Covéa segna una tappa importante per il Gruppo. Permette a SCOR di ricostruire un rapporto di lavoro con questo assicuratore leader. Sblocca il valore del portafoglio riassicurativo di SCOR nel ramo Vita, dando al contempo al Gruppo una maggiore libertà nella gestione del suo capitale e nel perseguimento del suo sviluppo. Ci sono tutte le condizioni per perseguire una crescita redditizia e solvibile“.

Laurent Rousseau, nuovo Amministratore Delegato di SCOR, ha inoltre dichiarato: “Nei primi sei mesi del 2021, SCOR dimostra ancora una volta la forza del suo modello di business e la pertinenza della sua strategia. Il Gruppo continua ad espandere il suo franchising, sia nel Vita che nei Danni, e fornisce una solida performance di base nonostante le catastrofi naturali, la pandemia Covid-19 in corso e il contesto di bassi rendimenti. SCOR è ben posizionata per cogliere opportunità di crescita redditizia, in particolare nel mercato della (ri)assicurazione P&C, dove i prezzi e le condizioni sono sempre più interessanti”.

La crescita dei premi nella riassicurazione P&C è stata ancora più impressionante nel 2° trimestre, in quanto al tasso di cambio attuale la crescita del 14,3% scende al 7,1% per il primo semestre. Ma nel Q2 al tasso di cambio corrente i premi lordi contabilizzati sono aumentati dell’11,5%, mentre il combined ratio del solo Q2 è stato di appena il 97,4%.

SCOR ha dichiarato che anche la sua attività P&C si è espansa considerevolmente in entrambi i rinnovi riassicurativi di metà anno di giugno e del 1° luglio, quando la compagnia ha approfittato di ulteriori aumenti di prezzo.

I premi sottoscritti sono cresciuti del +7,8% a tassi di cambio costanti, da 735 milioni di euro a 792 milioni di euro (utilizzando i tassi di cambio al 31 dicembre 2020), precisa il riassicuratore.

Allo stesso tempo, il portafoglio di rinnovo di SCOR ha registrato un aumento complessivo dei prezzi del +7,9% per i trattati che si rinnovano a giugno e luglio, portando il miglioramento dei prezzi di rinnovo su base annua all’8,0%.

SCOR ha dichiarato che “le dinamiche rimangono positive in tutte le regioni, con condizioni più solide in tutti i settori”.

Negli Stati Uniti e in Canada, SCOR ha notato che il riassicuratore “ha registrato aumenti significativi dei prezzi”, pur rimanendo selettivo e concentrato sulla redditività, data l'”abbondante capacità di mercato”.

In altre regioni, SCOR ha detto che ha anche ottenuto una forte crescita a condizioni migliori in occasione dei rinnovi.

Ora, dopo i rinnovi di metà anno, SCOR ha rinnovato il 95% del suo portafoglio riassicurativo per il 2021, quasi tutto a tassi più redditizi, che dovrebbero fruttare nel corso del prossimo anno e portare a un miglioramento dei risultati, se le grandi perdite lo permettono.