SCOR: il tandem Denis Kessler-Laurent Rousseau approvato dagli azionisti

Si chiude all’insegna della “continuità” l’assemblea generale degli azionisti di Scor, che ha approvato il passaggio di testimone alla guida del gruppo, difendendo i cambiamenti di governance voluti dal suo CEO Denis Kessler, che è stato fautore della storia di successo del riassicuratore negli ultimi 19 anni.

Denis Kessler, arrivato alla testa di SCOR nel 2002 per dare una svolta alla società dopo alcune battute d’arresto finanziarie e che si vanta di averne fatto un riassicuratore leader a livello mondiale (4° posto nel mondo), ha annunciato due mesi fa improvvisamente di voler cedere la direzione generale del gruppo prima di quanto previsto in precedenza.

Scor

Gli azionisti non sapranno nulla delle “ragioni personali” che lo hanno portato a voler lasciare le sue funzioni operative il 1° luglio 2021. L’amministratore delegato di SCOR e presidente del comitato di nomina e di remunerazione, Augustin de Romanet, si è attenuto mercoledì alla versione ufficiale: questo cambiamento di calendario ha portato il consiglio di amministrazione a richiamare uno dei candidati “di qualità” che aveva selezionato per succedere a Denis Kessler.

Nel dicembre 2020, il consiglio aveva infatti scelto l’ex direttore di gabinetto di Edouard Philippe a Matignon, Benoît Ribadeau Dumas, per le sue “elevate qualità intellettuali e manageriali”. Quest’ultimo era entrato in SCOR nel gennaio 2021 come vice direttore generale, in vista di una graduale sostituzione di Denis Kessler alla fine dell’assemblea generale del 2022. Il manager, che non aveva mai ricoperto una posizione operativa nell’assicurazione o nella riassicurazione, ha dovuto ottenere l’approvazione preventiva del regolatore delle assicurazioni, l’ACPR. Sarebbe quindi il calendario accelerato che “ha portato il consiglio a constatare, pur riconoscendo le sue qualità e il successo della sua integrazione, che non c’erano le condizioni per farlo diventare amministratore delegato il 1° luglio”, ha spiegato Augustin de Romanet, tagliando corto sulle voci che circolavano internamente su un possibile disaccordo tra Denis Kessler e Benoît Ribadeau Dumas.

La scelta del consiglio è quindi caduta su Laurent Rousseau, vice direttore generale di SCOR Global P&C, che è entrato in SCOR 11 anni fa come consigliere di Denis Kessler prima di scoprire l’attività riassicurativa e salire ai vari livelli operativi del gruppo. Una personalità che si dice molto rispettata all’interno, pur temendo di non potersi emancipare completamente dall’influenza di Denis Kessler, che intende rimanere presidente del consiglio di amministrazione almeno fino al 2022, quando compirà 70 anni, il limite di età attualmente previsto dallo statuto per esercitare queste funzioni.

Il tandem formato da Denis Kessler e Laurent Rousseau, che hanno allineato i loro discorsi al millimetro per lodare i meriti di un cambiamento “senza soluzione di continuità” che non mette in discussione i fondamenti del successo di SCOR, è stato in ogni caso ampiamente approvato dagli azionisti il 30 giugno. La modifica dello statuto che segna la dissociazione delle funzioni tra il Presidente del cda e l’Amministratore Delegato, raccomandata come buona pratica di governance dall’ACPR, è stata approvata dal 99,26% dei voti. La nomina di Laurent Rousseau come direttore è stata approvata dal 99,54% dei voti. Per quanto riguarda Denis Kessler, il rinnovo del suo mandato di amministratore, che gli permetterà di continuare a ricoprire la carica di presidente, è stato approvato dal 91,27% dei voti.

Gli azionisti hanno anche approvato con il 99,35% una misura straordinaria volta a modificare la durata del mandato degli amministratori. Questo è stato cambiato da un termine massimo di 4 anni a un termine fisso di 3 anni. Oltre al nuovo CEO Laurent Rousseau, altre due personalità sono entrate nel consiglio: il CEO del gruppo Prévoir Patricia Lacoste – uno dei pochi CEO donna nel settore assicurativo – che è stato approvato dal 99,51%, e il CEO del gruppo mutualistico Aéma, Adrien Couret, la cui cooptazione è stata ratificata dal 99,91%. Anche il mandato di Claude Tendil, ex CEO di Generali France, è stato rinnovato per tre anni, ricevendo il 76,93% dei voti.

Per quanto riguarda la remunerazione di Denis Kessler, particolarmente criticata dal fondo attivista CIAM, questa risoluzione è stata approvata in modo meno deciso dagli azionisti. È stato approvato a maggioranza semplice dei voti del quorum dei votanti, ma solo con uno stretto margine del 55,57% dei voti. La remunerazione corrisposta al CEO di SCOR per il 2020 consiste in una parte fissa di 1,2 milioni di euro (invariata dal 2008), più una parte variabile basata sul raggiungimento degli obiettivi di redditività e di solvibilità di SCOR, nonché su obiettivi personali che Denis Kessler dovrà raggiungere. Il bonus pagato a Denis Kessler per il 2020 ammonta quindi a 747.000 euro, a cui si aggiungono 100.000 stock option e 125.000 performance share. In questo modo, la remunerazione di Denis Kessler è sempre stata “allineata agli interessi degli azionisti”, ha dichiarato Augustin de Romanet. Questi ultimi, che non hanno ricevuto un dividendo l’anno scorso (per il 2019) perché SCOR ha rispettato il desiderio dell’autorità di vigilanza di non distribuire agli azionisti in tempi di salute e di crisi economica, riceveranno un dividendo di 1,80 euro per azione nel 2021.

A partire dal 1° luglio 2021, la remunerazione di Denis Kessler viene rivista al ribasso per tenere conto del suo nuovo ruolo di presidente non esecutivo. Riceverà uno stipendio fisso di 600.000 euro più gli onorari degli amministratori. Non riceverà più alcun compenso variabile o a lungo termine. Per quanto riguarda il nuovo CEO, Laurent Rousseau, riceverà una remunerazione fissa annuale di 800.000 euro, a cui si aggiungerà un bonus (soggetto agli stessi obiettivi di performance) con un tetto massimo di 800.000 euro e gli verranno assegnate 70.000 performance shares e 60.000 stock options.

Fonte: L’Argus