Rassegna Stampa assicurativa 27 luglio

Selezione di notizie assicurative da quotidiani nazionali ed internazionali

 

logo_mf

Primi effetti della politica antitrust perseguita dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden: Aon e Willis Towers Watson ieri hanno annunciato di avere annullato il loro piano di fusione da 30 miliardi di dollari, che avrebbe potuto portare alla nascita del più grande broker assicurativo del mondo. Le due società hanno gettato la spugna perché non sono riuscite a superare l’opposizione del dipartimento di Giustizia Usa (Doj) alla fusione.
Le compagnie assicurative continuano ad essere impegnate nella ricerca di soluzioni su misura e modulari nei settori salute, LTC, cyber e mobilità. A dirlo è l’Ivass nell’Analisi semestrale sulle nuove tendenze nell’offerta dei prodotti assicurativi recentemente pubblicata. Nel secondo semestre 2020, le compagnie hanno puntato ad incrementare l’offerta mediante prodotti sempre più integrati con servizi diversi e digitalizzati. Nei rami danni, le principali aree di business in cui l’industria assicurativa sta esplorando nuove soluzioni, tailor made e modulari spesso contraddistinte da coperture a connotazione digitale, continuano a riguardare i settori della salute, delle LTC, della mobilità e del cyber.
Leonardo Assicurazioni (Generali Italia), ancora una volta precursore nel settore in termini di innovazione, è la prima e ad oggi unica azienda di distribuzione di servizi assicurativi in Italia ad aver modificato il proprio statuto, integrando nell’oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, lo scopo di avere un impatto positivo sulla biosfera, ossia sulle persone e sull’ambiente.
Nasce il primo manifesto dell’Insurtech italiano. Lo ha lanciato l’Iia, l’Italian Insurtech Association, che riunisce circa 200 assicurazioni innovative, con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo del settore e sfidare i colossi della rete. “Le linee guida approvate da tutta la comunità insurtech spingono per velocizzare la transizione digitale dell’industria assicurativa. La strategia parte dall’obiettivo di aumentare drasticamente il valore degli investimenti in insurtech, per passare dai 50 milioni del 2020 a un miliardo di euro nel 2023”. Ma non solo investimenti: nei 13 punti del documento si prevede anche di accelerare sviluppo di competenze digitali, adeguare il contesto normativo e confrontarsi con i player internazionali.
Nell’anno del suo centenario, Vittoria Assicurazioni ha implementato la sua offerta di soluzioni incentrate sul cliente per rispondere, ma soprattutto anticipare i nuovi bisogni emergenti. È nata così “Vittoria con te”, un nuovo modello non solo di gestione delle polizze, ma anche e soprattutto di gestione delle esigenze assicurative del cliente, pensato con il duplice obiettivo di semplificare al massimo l’accesso e la comprensione della documentazione, offrendo dall’altro ai clienti una soluzione assicurativa personalizzata e il più possibile flessibile in termini di composizione delle garanzie.
Attiva dal 1988 nel settore RC Professionale, con particolare focalizzazione nell’area sanitaria, e confermata recentemente da Fitch come azienda solida, attenta al proprio cliente e profondamente affidabile – è l’unica Compagnia assicurativa italiana coperta da Fitch che non ha subito il downgrading nel 2020 – Assicuratrice Milanese nell’ultimo anno ha attivato diverse iniziative a sostegno di Medici e Personale del settore, ricambiando l’impegno e la dedizione profusi in questo periodo di emergenza sanitaria.

L’obbligatorietà del green pass per entrare in fabbrica e ufficio la decide il datore di lavoro. Questi, infatti, proprio perché «datore di lavoro», ha il potere-dovere di esigere dai lavoratori il rispetto di ogni misura adottata per la sicurezza sul lavoro (al pari del casco, di scarpe o tute). Se il vaccino è individuato come misura di prevenzione e protezione (l’operazione va fatta con il medico competente e i rappresentanti dei lavoratori nel «documento di valutazione rischi») non può essere rifiutato dai lavoratori, pena anche la risoluzione del rapporto di lavoro, cioè il licenziamento. A stabilirlo è l’art. 2087 del codice civile, in lettura combinata con le norme del T.U. sulla sicurezza del lavoro (dlgs n. 81/2008).

corsera

  • Salta la fusione tra Aon e Wtw
Aon e Willis Towers Watson hanno raggiunto un accordo reciproco per mettere la parola fine al loro accordo di fusione e chiudere il contenzioso con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, che nel merger vedeva il rischio di eliminare la concorrenza in diversi mercati statunitensi. L’accordo era stato annunciato a marzo 2020.

  • Il lavoratore non vuole vaccinarsi? Sospensione e stop alla retribuzione
L’azienda può sospendere dal servizio e dalla retribuzione il lavoratore che non vuole vaccinarsi contro il Covid-19. Questa volta lo ha stabilito il Tribunale di Modena, Presidente Emilia Salvatore, con l’ordinanza n. 2467 dello scorso 23 luglio che fa il punto sui diversi diritti contrapposti in tempo di pandemia. “Il datore di lavoro – si legge nella pronuncia – si pone come garante della salute e della sicurezza dei dipendenti e dei terzi che per diverse ragioni si trovano all’interno dei locali aziendali e ha quindi l’obbligo ai sensi dell’art. 2087 del codice civile di adottare tutte quelle misure di prevenzione e protezione che sono necessarie a tutelare l’integrità fisica dei lavoratori”.
  • Mobilità elettrica, 23mila ricariche ma soltanto l’1% è ultra veloce
Ventitremila punti di ricarica in Italia, più che raddoppiati da settembre 2019 ma destinati a raggiungere quota 100mila entro il 2030, una copertura a macchia di leopardo tra le regioni – in testa Lombardia, Piemonte e Lazio, in coda il Centro e il Sud Italia – e attenzione al tema dei sostegni alla domanda di mobilità elettrica, che resta la questione centrale per il settore. Il mondo degli operatori delle infrastrutture di ricarica che fa capo a Motus-E traccia i prossimi step di consolidamento della rete in Italia, anche alla luce delle risorse messe in campo dal Pnrr: 750 milioni destinati a sostenere gli investimenti infrastrutturali a fronte della crescita del mercato delle auto elettriche.