La prima (e ad oggi unica) Azienda Benefit nel settore assicurativo in Italia

Il tema della sostenibilità è diventato strategico per le aziende di qualsiasi settore e quindi anche per quello assicurativo. Se alcune grandi multinazionali hanno già intrapreso questo percorso, oggi molte altre realtà si stanno avvicinando a questo nuovo modo di intendere il proprio business.
Leonardo Assicurazioni (Generali Italia), ancora una volta precursore nel settore in termini di innovazione, è la prima e ad oggi unica azienda di distribuzione di servizi assicurativi in Italia ad aver modificato il proprio statuto, integrando nell’oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, lo scopo di avere un impatto positivo sulla biosfera, ossia sulle persone e sull’ambiente.
“Si tratta di un passaggio sicuramente importante di crescita, frutto di un percorso iniziato in modo naturale in azienda diversi anni fa e che oggi abbiamo voluto formalizzare con la modifica dello statuto, un’importante assunzione di responsabilità pubblica, istituzionale, che va oltre la presa di coscienza del ruolo che abbiamo nella società” spiega Gian Luca Buzzetti, Agente Generale. “Essere Azienda Benefit implica Un’attenzione all’ambiente e alla trasformazione digitale, ma significa soprattutto attenzione alle persone, intese come società, come individui, come comunità, in un’ottica di inclusione totale. Credo che oggi essere un’Azienda Benefit sia un passaggio necessario, quasi obbligatorio, per fare business, un passaggio che va oltre la differenziazione del business stesso di appartenenza. E, infatti, esistono già delle community che riuniscono tutte le aziende Benefit a prescindere dal settore in cui operano. Sicuramente è un passaggio che richiede un grande impegno interno virgola che comporta sforzi, investimenti e coinvolgimento di tutti i collaboratori, oltre a un lavoro sulla cultura aziendale, i cui risultati vanno però a beneficio di tutti. È un percorso che cresce e si evolve continuamente nel tempo e che si costruisce attraverso tanti piccoli passi e azioni concrete: penso ad esempio al nostro Progetto Benessere per una sana e corretta alimentazione, ai campus estivi per i figli dei collaboratori, o ancora all’essere diventati paperless, rinunciando a tutta la carta che nel nostro settore era davvero tanta. Essere azienda benefit significa, a mio avviso, restituire alla società quello che noi come azienda riceviamo come business, in uno scambio reciproco di benefici”. (riproduzione riservata)

Fonte: logo_mf