Esplosione nel porto di Beirut: Munich Re decide di pagare

Mentre l’inchiesta sulla causa dell’esplosione al Porto di Beirut avvenuta nell’agosto 2020 è sostanzialmente ferma, un importante riassicuratore ha deciso di pagare il sinistro, qualunque sia la sua causa.

Il settore assicurativo interromperà la situazione di stallo in cui si trova dalla drammatica vicenda dell’esplosione che ha devastato il porto di Beirut quasi un anno fa? Il disastro, che è costato la vita a quasi 200 persone, ha anche generato importanti perdite economiche (tra 6 e 8 miliardi di dollari), tra cui 1,2 miliardi di euro di perdite assicurate. Gli assicuratori esposti nella regione, tra cui Axa e Allianz, possono in linea di principio contare sui loro programmi di riassicurazione per assorbire lo shock. Ma il diritto contrattuale libanese ha seriamente complicato il loro compito.

In effetti, le polizze di assicurazione non vita in Libano includono sistematicamente delle clausole di esclusione per gli atti di guerra e di terrorismo. Ma la commissione d’inchiesta amministrativa, incaricata di far luce sulla causa dell’esplosione avvenuta il 4 agosto 2020, è impantanata. I riassicuratori, che secondo una fonte informata sopportano il 95% dell’onere della richiesta, sono stati finora riluttanti ad applicare la loro copertura data l’incertezza sull’applicabilità delle polizze assicurative.

Per non creare un precedente, i grandi riassicuratori mondiali SCOR, Swiss Re e Munich Re, sponsor dei programmi, avevano proposto lo scorso autunno di pagare le richieste di risarcimento, a condizione di poter recuperare le somme versate agli assicuratori se l’inchiesta ufficiale avesse concluso che c’era stato un atto terroristico… e quindi che i contratti di assicurazione non erano applicabili.

Secondo un documento che l’Argus de l’assurance ha ottenuto, Munich Re aveva così aggiunto nel novembre 2020 una clausola di rimborso alle condizioni dei suoi contratti di riassicurazione facoltativa. Quest’ultimo prevedeva che il riassicuratore potesse “esercitare i suoi diritti di recupero” delle somme pagate ai cedenti tramite “compensazioni sugli impegni futuri”, e questo indipendentemente dal fatto che gli assicuratori potessero esigere dai loro assicurati il rimborso degli indennizzi.

Una situazione che, date le somme in gioco, avrebbe potuto mettere in grande difficoltà le compagnie di assicurazione. Tanto più che la legge libanese prevede che, per beneficiare della clausola di esclusione, l’onere della prova spetta all’assicuratore e non all’assicurato. Dieci mesi dopo l’apertura dei negoziati tra assicuratori e riassicuratori, sotto l’alto patrocinio dell’Associazione delle compagnie di assicurazione libanesi (Acal), Munich Re ha cambiato radicalmente il suo approccio… e ha aperto una breccia nella liquidazione di questo sinistro. Il riassicuratore, che ha stimato le sue perdite in almeno 100 milioni di euro lo scorso autunno, ha deciso di accompagnare i suoi clienti qualunque sia la causa dell’esplosione e ha rinunciato a chiedere qualsiasi rimborso.

Di fronte all’impasse in cui si trova la commissione d’inchiesta libanese – per ragioni eminentemente politiche – il secondo più grande riassicuratore del mondo ha scelto di far avanzare il processo di compensazione. “Siamo pronti a pagare la nostra parte dei crediti in conformità con i termini contrattuali del trattato”, hanno scritto ai loro clienti appena due settimane fa.

Questo aprirà la strada ad altri riassicuratori? Questi ultimi hanno già accantonato oneri nei loro bilanci per l’anno 2020. Swiss Re, per esempio, ha accantonato 222 milioni di dollari nel quarto trimestre dello scorso anno, mentre SCOR ha registrato una perdita di 44 milioni di euro al netto della retrocessione nel terzo trimestre. Hannover Re, da parte sua, ha indicato al momento della pubblicazione dei suoi risultati annuali nel 2020 che aveva registrato perdite per 86,6 milioni di euro. CCR Re, che ha un ufficio a Beirut, è stata più modestamente esposta alla perdita e ha subito un onere lordo di 24 milioni di euro, di cui 15 milioni al netto della retrocessione.

Beirut