Cybersicurezza, la Ue ora guarda al settore marittimo

La cybersicurezza diventa sempre più centrale per la vita di qualsiasi azienda. Lo scorso 22 giugno il Consiglio europeo ha adottato alcune conclusioni che riguardano il settore marittimo confermando il ruolo dell’Ue come garante della sicurezza in tale campo. Nel documento si precisa come la sicurezza marittima costituisca una precondizione per una blue economy più prospera nell’Ue. Per il Consiglio Europeo, è «evidente» la necessità di garantire livelli più elevati di cybersicurezza in tutti i settori marittimi, in particolare nel contesto delle tecnologie emergenti. e la situazione in Italia non sembra delle migliori in questo campo. Lo dice uno studio di Swascan (Cyber Security Company italiana partecipata dal gruppo Tinexa) secondo il quale più di metà delle aziende che operano nel settore presentano delle potenziali vulnerabilità in tema. Un sistema non aggiornato, una mail aziendale usata in maniera impropria possono essere «porte» aperte ad attacchi che possono arrivare a paralizzare l’attività della società. Gli analisti hanno riscontrato su un campione di 20 aziende scelte tra le prime 100 per fatturato un rischio medio di 29 vulnerabilità sui sistemi esposti su Internet e 76 email compromesse/data leak, ovvero a rischio sicurezza per quel che riguarda i dati e delle coppie di credenziali user/password. il numero totale delle potenziali vulnerabilità riscontrate per il settore è 574, così distribuite: 9 aziende (45% del campione) hanno 0 potenziali vulnerabilità, 6 aziende (30% del campione) hanno tra 1 e 25 potenziali vulnerabilità, 3 aziende (15% del campione) hanno tra 26 e 50 potenziali vulnerabilità e 2 aziende (10% del campione) hanno più di 50 potenziali vulnerabilità. La media delle potenziali vulnerabilità è 29, ma è presente una azienda che espone circa 330 potenziali vulnerabilità: escludendola dal calcolo della media, il numero medio di potenziali vulnerabilità per azienda si abbassa da 29 a 13. Per Pierguido Iezzi, Ceo di Swascan «la pandemia da Covid-19 ha aumentato i rischi». Unica soluzione è avere sistemi aggiornati e manager preparati. «Il mondo del cyber crime, con cui dovremo imparare a convivere è un mondo che si trasforma sempre di più in una vera e propria commodity».

Antonio Giordano
Fonte: